Sport

Capolavoro di De Fabiani al Tour de Ski: secondo nella 15 km

Aosta -A Oberstorf splendida prestazione del gressonaro nella 15 km a tecnica classica. Dopo i già previsti ritiri di Pellegrino e Laurent, è di ieri il forfait di Elisa Brocard, ancora alle prese con i postumi della bronchite.

De FabianiDe Fabiani

La pattuglia valdostana al Tour de Ski si spopola, ed a rappresentare i colori rossoneri rimane il solo Francesco De Fabiani. Rientrati a casa, come da programma, i velocisti Federico Pellegrino (addirittura un po’ arrabbiato per il secondo posto di Val Mustair) e Greta Laurent (ancora alle prese coi mali di stagione), è di ieri la notizia del forfait anche di Elisa Brocard, che puntava ad un buon piazzamento nella classifica finale ma che è dovuta soccombere agli strascichi della bronchite che l’aveva colpita sotto Natale.

Ad Oberstdorf il gressonaro era impegnato nella 15 km a tecnica classica – prima volta in alternato per il Tour de Ski di quest’anno – con partenza di massa, quando in classifica generale ricopriva la dodicesima piazza. Una gara molto divertente proprio per il suo format, resa più dura dalla neve che è caduta per tutti i sei giri da 2,5 km. De Fabiani ha condotto un’ottima gara, bravo a rimanere nel gruppo di testa fin dall’inizio, per poi scatenarsi nel finale andando in allungo con Iversen, Ustiugov e Roethe. La vittoria è andata a Iversen con 9 decimi di vantaggio su De Fabiani, mentre sul terzo gradino sale il russo. Anche l’anno scorso a Oberstorf DeFa era arrivato sul podio, con un terzo posto.

De Fabiani sarà impegnato alle 13 di domani ancora in Germania nella 15 km a tecnica libera ad inseguimento, prima del trasferimento in Val di Fiemme, dove il 5 ed il 6 gennaio si terranno le ultime due tappe del Tour de Ski.

Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere ed un Dottorato di ricerca in letteratura francese, nel 2016 sono entrato a far parte di AostaSera come collaboratore. Mi occupo soprattutto di sport e, vista la mia voglia di sperimentare, ho iniziato a provare diverse discipline. Il britpop ed i romanzi esistenzialisti sono stati il punto di partenza della mia formazione culturale.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>