Eventi

Al MAR alla scoperta del fotolibro d’artista di Tommaso Rada

Aosta - Venerdì 7 dicembre 2018, alle ore 17 al Museo Archeologico Regionale di Aosta, sarà presentato il fotolibro d’artista di Tommaso Rada "Maison Ville Nouveau".

Maison Ville Nouveau | Tommaso RadaMaison Ville Nouveau | Tommaso Rada

Venerdì 7 dicembre 2018, alle ore 17 al Museo Archeologico Regionale di Aosta, sarà presentato il fotolibro d’artista di Tommaso Rada “Maison Ville Nouveau”. La presentazione del volume sarà occasione per dialogare di fotografia contemporanea, del linguaggio delle immagini e di narrazione della montagna. La pubblicazione è l’esito del progetto Montagna Sociale Contemporanea che ha visto la luce durante la Residenza per Artisti tenutasi a Villeneuve nell’estate del 2017.

Maison Ville Nouveau è un progetto di ricerca fotografica sulla vita in montagna, raccontata nei diversi contesti sociale, culturale e economico, seguendo il filo conduttore che li unisce: il concetto di dono. La comunità viene quindi presentata attraverso un interessante lavoro sulla ritrattistica e sulla rappresentazione del paesaggio del quotidiano. La presentazione sarà preceduta da un’introduzione a cura di framedivision che prevede letture di brevi racconti tratti da “I narratori delle pianure” di Gianni Celati.

L’esposizione in corso al Museo Archeologico “Collateral damages si compone di 120 fotografie in bianco e nero, che mettono in luce i drammatici “danni collaterali” di una guerra, cioè le vittime civili. L’allestimento è arricchito da un video e la mostra è corredata da un catalogo bilingue italiano-francese, contenente i testi di Marco Maggi e Daria Jorioz, in vendita al prezzo di 25 euro.

L’esposizione resterà aperta sino a domenica 31 marzo 2019, orario 10-13 e 14-18, chiusa il lunedì. In occasione della presentazione l’ingresso è libero.

Attualmente al MAR è in corso anche la mostra Collateral damages di Ugo Lucio Borga.

Per maggiori informazioni visitare il sito dell’assessorato istruzione e cultura della Regione autonoma Valle d’Aosta

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>