Sport
Ultima modifica: 20 Giugno 2018 alle ore 3:32

Corridori valdostani grandi protagonisti in tutta Italia

Aosta -Nel weekend appena concluso, risultati di prestigio per i runners della nostra regione: Davide Cheraz si impone alla Sardinia Ultramarathon, Bouamer e Brunier 2° e 3° al Miglio di Biella e Mongiovetto 3° nella 30 km di Venaria

Davide Cheraz - foto Facebook Sardinia Ultramarathon

Weekend ricco di risultati per i corridori valdostani, grandi protagonisti di gare su distanze diverse in giro per l’Italia.

Chi ha dovuto spostarsi di più, correre di più ma anche vincere di più è stato Davide Cheraz. L’atleta della Calvesi, infatti, è volato in Sardegna per la nona edizione della Sardinia Ultramarathon, gara a tappe su una distanza totale di 80 km. Cheraz si è aggiudicato la vittoria finale della competizione imponendosi in entrambe le tappe: la prima, da 20 km, con un tempo totale di 1h20’59”, e la seconda, da 60 km, in 4h22’12”.

A Biella, due valdostani sul podio del “Miglio”. In una gara combattutissima, Omar Bouamer della Polisportiva Sant’Orso deve “accontentarsi” del secondo posto, battuto in volata da Mamadou Yally. Bouamer, a sua volta, ha beffato l’amico Lorenzo Brunier della Calvesi, giunto terzo. Brunier ha completato i 1.609 metri in 4’44”, un secondo in più di Bouamer.

Podio anche per Mikael Mongiovetto, terzo classificato nella 30 km di “Una Gara da Re” di Venaria, che si corre attraverso i Giardini della Reggia di Venaria, il Parco de La Mandria e il centro storico di Venaria Reale. L’atleta della Sant’Orso ha chiuso a pari merito con Michael Zagato in 1h48’55”, dietro a Francesco Grillo (1h44’26”) e Alberto Mosca (1h46’48”).

Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere ed un Dottorato di ricerca in letteratura francese, nel 2016 sono entrato a far parte di AostaSera come collaboratore. Mi occupo soprattutto di sport e, vista la mia voglia di sperimentare, ho iniziato a provare diverse discipline. Il britpop ed i romanzi esistenzialisti sono stati il punto di partenza della mia formazione culturale.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>