Società

Etroubles è uno dei 21 comuni “Gioielli d’Italia”

Etroubles -I comuni selezionati e inseriti nel circuito"I Gioielli d'Italia” saranno ora protagonisti di una campagna di promozione sul mercato nazionale e internazionale. La premiazione martedì scorso a Roma.

Etroubles è uno dei 21 comuni "Gioielli d’Italia". Il paese del Grand Combin è risultato vincitore del concorso previsto dall’Accordo-Quadro sottoscritto il 23 settembre 2010 tra il Ministro per il Turismo e il Presidente dell’Anci. La premiazione si è svolta martedì scoso a Roma nella sala delle Conferenze di Palazzo Cornaro, alla presenta del Ministro per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport, Piero Gnudi. Per Etroubles erano presenti il sindaco Massimo Tamone, dal vice-sindaco Marco Bignotti e dall’assessore Ferruccio Cerisey.

Le buone pratiche riconosciute e promosse dal progetto sono di "tutelare e rendere fruibile per il turista il proprio patrimonio architettonico o naturale; mantenere la propria capacità di ospitalità e di accoglienza turistica; conservare il proprio sistema di attrattive sul territorio; attuare politiche sostenibili di promozione dell’offerta culturale; attuare iniziative per l’accessibilità e l’informazione turistica."

I comuni selezionati e inseriti nel circuito"I Gioielli d’Italia” saranno ora protagonisti di una campagna di promozione sul mercato nazionale e internazionale. Per Etroubles si tratta di un nuovo riconoscimento che si aggiunge a “Uno dei Borghi più Belli d’Italia”, “Bandiera Arancione del Touring Club Italiano” e candidato a rappresentare l’Italia al concorso europeo “Entente Florale 2013”.

"Una bella soddisfazione  – commenta in una nota Tamone  –  che il nostro piccolo Comune è riuscito ad ottenere con impegno, convinzione, programmazione e lungimiranza, lavorando giorno dopo giorno affinché il nostro territorio possa venire riqualificato, conosciuto, apprezzato e possa diventare sempre di più meta di soggiorni all’interno del contesto valdostano per noi unico al mondo."
 

 

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>