Politica
Ultima modifica: 20 Giugno 2018 alle ore 3:53

Bilancio 2018: spunta un “tesoretto” da 132 milioni di euro

Aosta -Rispetto al miliardo e 72 milioni euro disponibili l’anno scorso quest’anno la finanziaria mette in campo 1 miliardo e 204 milioni di euro.

Il Presidente Viérin in II^ Commissione "Affari generali"

Ammontano a 132 milioni di euro le risorse in più disponibili sul bilancio regionale 2018, varato venerdì scorso dalla Giunta regionale e presentato oggi in II Commissione e alle categorie economiche e sociali.

Rispetto al miliardo e 72 milioni euro disponibili l’anno scorso quest’anno la finanziaria mette in campo 1 miliardo e 204 milioni di euro. Risorse che derivano anche dal ridotto accantonamento per il contributo regionale al risanamento della finanza pubblica. Compresi i residui differiti, il Fondo pluriennale vincolato, le contabilità speciali e le partite di giro, il bilancio regionale pareggio sulla cifra di di 1.536.390.133,28 euro per l’anno 2018.

Il "tesoretto" che, accusa già la minoranza, la Giunta "spende solo a fini elettorali", viene equamente diviso fra tutti i settori. All’Assessorato alle Opere pubbliche vanno 26,5 milioni di euro in più rispetto al 2017, 23,7 alla sanità e politiche sociali, 20,8 alla Presidenza della Regione, 16,1 alle Attività produttive e ambiente e ancora 12,4 all’istruzione, 11,7 al Bilancio, 10,5 al turismo e trasporti e 10,3 all’agricoltura. Crescono di 10 milioni di euro i trasferimenti agi enti locali

ll totale delle entrate finali per il 2018, al netto delle partite di giro e dell’accensione di prestiti, è pari a 1.349 milioni di euro. Prosegue il calo del gettito legati ai tributi regionali (IRAP, addizionale regionale all’IRPEF , tassa auto, tassa concessione casa da gioco, ecc.) e tributi provinciali, tutti legati al settore veicoli (imposta e contributo SSN sui premi rc auto e imposta di iscrizione e trascrizione al PRA).  La riduzione della previsione di tale tipologia di entrata, rispetto al 2017, è di oltre 15 milioni, spiegata in gran parte dal calo dell'Irap.

Il totale delle spese per il 2018, al netto delle partite di giro è pari a 1.428 milioni di euro. Le spese l’anno 2018, al netto dei residui differiti e dell’accantonamento per il risanamento della finanza pubblica sono pari a 1.263 milioni per l’anno 2018, a euro 1.230 milioni per l’anno 2019 e a euro 1.211 milioni per l’anno 2020.

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>