Economia e lavoro, Società

L’impresa sociale e la legge delega, all’UniVdA un seminario sul futuro del terzo settore

Aosta - Lunedì 28 novembre alle ore 9.00 si apriranno i lavori del dibattito 'L’impresa sociale nella legge delega sul terzo settore' nell'Aula Magna. Un appuntamento per capire come il sociale potrà muoversi tra le criticità e le opportunità della nuova norma.

L'aula magna dell'Univda

Un seminario per capire come l'impresa sociale in Valle d'Aosta possa muoversi e ragionare all'interno delle nuove direttive fornite dalla legge delega sul Terzo Settore.

Lunedì 28 novembre alle ore 9.00 si apriranno i lavori del dibattito 'L’impresa sociale nella legge delega sul terzo settore' nell'Aula Magna dell'Università della Valle d'Aosta quando, dopo i saluti delle Autorità e l’introduzione della portavoce del Forum del Terzo Settore della Valle d’Aosta Sabina Fazari, si susseguiranno gli interventi di Sergio Silvotti, portavoce del Forum della Lombardia; Gianfranco Marocchi, rappresentante del Consorzio nazionale 'Idee in Rete' e Direttore di 'Welfare Oggi'; Anna Merlo dell’UniVdA e Stefano Granata, Presidente del Gruppo Cooperativo CGM.

La seconda parte del seminario, invece, punterà dritta alla questione locale con una tavola rotonda ed un dibattito moderati dal membro del coordinamento del Forum valdostano Jean Frassy e verterà sul tema 'Fare impresa sociale in Valle d’Aosta: tra l’oggi e il domani'.

Alla tavola rotonda prenderanno parte diversi esponenti locali del Terzo Settore, della Pubblica Amministrazione e del mondo dell’informazione tra cui: Gianni Nuti, dirigente dell’Assessorato Regionale alle Politiche Sociali e Giovanili; Andrea Borney, consigliere del CSV; Luigino Vallet, presidente della Fondazione Comunitaria della Valle d’Aosta; Umberto Fossà, presidente di Legacoop Vda; Lea Lugon, presidente Fédération des Coopératives; Luigi Lorenzin, presidente AGCI Valle d’Aosta e della giornalista Nathalie Grange.

“È importante – sottolinea la portavoce del Forum della Valle d’Aosta, Sabina Fazari – che anche la nostra regione inizi a ragionare sulle opportunità e sulle criticità della legge delega che inevitabilmente aprirà scenari diversi”.

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>