Uncategorized

Forte di Bard, si dimette Gabriele Accornero

Aosta -L'annuncio in Consiglio regionale da parte del Presidente della Regione.

Il Consigliere delegato del Forte di Bard Gabriele Accornero

Gabriele Accornero ha rimesso le deleghe di consigliere delegato dell'Associazione Forte di Bard. L'annuncio è stato dato questa mattina in Consiglio regionale dal Presidente della Regione, Pierluigi Marquis. Accornero, dirigente della Finaosta, risulta indagato per abuso di ufficio nell'ambito di un'inchiesta coordinata dal procuratore capo Giancarlo Avenati Bassi, condotta dalla guardia di finanza e dai carabinieri. Si tratta di un filone di quell'inchiesta della procura di Milano che ha portato all'arresto dell'ex procuratore capo di Aosta facente funzioni Pasquale Longarini.

"Nella prossima riunione del Consiglio di amministrazione verranno prese le decisioni consequenziali" ha detto Marquis. "MI auguro che le  motivazioni che hanno portato alle sue dimissioni possano portarlo a dimostrare l’estraneità ai fatti contestati".

Rispondendo ad una interrogazione della minoranza, il Presidente della Regione ha poi ribadito la necessità di riorganizzare la governance dell'Associazione Forte di Bard. "Questo percorso è già stato avviato – ha sottolineato Marquis – con l'obiettivo che non è quello di estromettere qualcuno, ma invece di individuare le modalità gestionali migliori affinché il Forte di Bard continui a essere un sito di eccellenza e anzi migliori ancora la sua attività e le ricadute sul territorio valdostano". 

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>