Uncategorized

Cresce ancora il turismo invernale in Valle d’Aosta: +3,64% di presenze

Aosta - Fra dicembre e marzo sono arrivati nella nostra regione 539.001 turisti (+5,75% rispetto alla stagione 2015/2016) mentre le presenze registrate sono state 1.749.591 (+3,64). Buone le prospettive per la stagione estiva.

Non si arresta la crescita del settore turistico in Valle d'Aosta. I dati sulla stagione invernale 2016/2017, pubblicati dalla Regione, testimoniano ancora una volta un balzo in avanti. Fra dicembre e marzo sono arrivati nella nostra regione 539.001 turisti (+5,75% rispetto alla stagione 2015/2016) mentre le presenze registrate sono state 1.749.591 (+3,64). Quest'ultime sono soprattutto concentrate nel settore alberghiero (1.470.549) anche se è l'extra-alberghiera a segnare un tasso maggiore di crescita (+10,38). 

“La stagione 2015/2016 era stata d’oro e quindi difficile da eguagliare. –  sottolinea il Presidente dell’Adava, Filippo Gérard –Siamo comunque riusciti a confermare le presenze con una leggera crescita”.

A pesare sull’andamento complessivo della stagione il mese di marzo che ha registrato un meno 12% sia di arrivi che di presenze. “L’anno scorso Pasqua era caduta a marzo favorendoci. – ricorda il Presidente Adava – Quest’anno invece era a ridosso con il 25 aprile e quindi molti hanno preferito guardare ai laghi o al mare come destinazione". I ponti del mese di aprile hanno comunque portato turisti in Valle d'Aosta: +54,99% di arrivi e +61,55% di presenze.

Il comprensorio più gettonato, anche nell'ultima stagione invernale, è il Monte Bianco con 460mila presenze, equamente ripartite fra italiani e stranieri. Staccato di poco il Monte Cervino con circa 450mila presenze di cui 330mila straniere. Terzo il Monte Rosa con 341mila presenze e quarta Aosta e dintorni con 269mila presenze. Segno meno per le presenze di italiani nel Gran San Bernardo (-13,70%). 

Sulla provenienze si confermano fra gli italiani i lombardi con 289mila presenze (+8,35%) seguiti dai piemontesi con 156mila presenze (+1,99%). Fra gli stranieri al primo posto gli inglesi (317mila presenze, +3,80%), seguiti dagli svedesi (104mila presenze, +0,23%) e dai francesi (76mila presenze, +14,69%). Tornano in Valle d'Aosta i russi: 43mila presenze con una crescita rispetto alla scorsa stagione del 28,47%.  

Archiviata con tanto di dati certificati la stagione invernale gli operatori sono al lavoro per quella estiva. “Le prospettive sono buone, il caldo di questi giorni ci lascia ben sperare – spiega Gérard – Guardando alle attuali prenotazioni non so se riusciremo a fare gli stessi numeri dell’anno scorso anche se tutto può ancora cambiare con i last minute. Farei comunque la firma per avere un’estate come l’ultima che ha rappresentato il ritorno della vacanza in montagna”.

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>