Uncategorized

Autostrada del Bianco, rincaro “choc”: 8,40 euro la tratta fino a Courmayeur

Aosta -Dalla mezzanotte del 1° gennaio ci vorranno 2,8 euro in più: il pedaggio balza da 5,6 euro a 8,4 euro. Il ministero dei trasporti spiega che per la Rav, "le variazioni derivano direttamente dal riconoscimento di pronunce giudiziarie su ricorsi attivati".

Con la fine dell’anno arrivano anche i famigerati rincari autostradali: in questa fine 2017 gli aumenti sono, per le tasche dei valdostani e dei turisti che frequentano la Regione, una vera e propria  stangataAumenta di quasi il 52per cento il pedaggio autostradale per i 31 chilometri della concessionaria Rav, l’autostrada del Monte Bianco.

Dalla mezzanotte del primo gennaio ci vorranno 2,8 euro in più: il pedaggio balza da 5,6 euro a 8,4 euro. Il ministero dei trasporti spiega che per la Rav, "le variazioni derivano direttamente dal riconoscimento di pronunce giudiziarie su ricorsi attivati dalle società. Tali incrementi recepiscono peraltro recuperi di adeguamenti relativi ad esercizi precedenti”.  Il che significa che la società deve recuperare aumenti non fatti in passato.

Pedaggio invariato invece sulla tratta Aosta-Quincinetto, gestita dalla Sav. “Dopo aver manifestato il nostro disappunto per gli aumenti Rav abbiamo lavorato per scongiurare aumenti di pedaggi su quella che rimane l’autostrada più cara d’Italia” aveva detto giovedì scorso in conferenza stampa Laurent Viérin, Presidente della Regione Valle d’Aosta. Lo stesso Viérin ha annunciato di voler migliorare ulteriormente la sperimentazione di tariffe agevolate per i residenti che è stata prorogata fino alla fine del 2018.

Ho 44 anni e sono giornalista professionista. Nonostante la laurea in Scienze della Comunicazione, ho trovato lavoro fondando, insieme ad altri, questo quotidiano online. Grazie alla mia proverbiale saggezza in redazione mi chiamano “mental coach”, mentre per gli amici sono “la nonna”. Nel tempo libero mi piace leggere, viaggiare, camminare e stare con gli amici.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>