Speciale Trail, Sport
Ultima modifica: 20 giugno 2018 alle ore 2:30

Vertical Fénis, Fabio Bazzana e Francesca Bellezza vincono la K2

Secondo Dennis Brunod. Nel K1 femminile domina Charlotte Bonin, mentre Simone Eydallin precede un po’ a sorpresa Henri Aymonod.

Il podio del K1 femminile: Bonin, Pino, Gerard - foto Facebook Vertical Fénis

I pronostici sui “top runners” del Vertical Fénis, 2° Memorial Beppe Brunier, sono stati ampiamente rispettati. La gara, disputatasi ieri, domenica 30 aprile, ha aperto la stagione del circuito del Défi Vertical, che si chiuderà il 15 ottobre con il Vertical Mont Mary.

Nella classe regina, il K2, che prevede un dislivello positivo di 2000 metri su un tracciato di 10 km, ha prevalso Fabio Bazzana (Karpos/La Sportiva), con il tempo di 57’19”, precedendo di 22” l’altro grande favorito, Dennis Brunod (Team Mont Avic), e di 1’08” Massimiliano Zanaboni (Atletica Valli Bergamasche Leffe). La categoria femminile lasciava presagire, già sulla carta, una lotta a tre tra Chiara Giovando, Francesca Bellezza e Christiane Nex, ed è stato proprio così: a vincere è stata Bellezza (1h10’40”) davanti a Giovando (1h12’05”), che ha preceduto Nex di soli 11 secondi. Sono stati 154 gli iscritti a questa categoria.

La sorpresa più grande di giornata è arrivata dalla K1 maschile (1000m D+, 5,3 km, 207 iscritti), dove a vincere è stato Simone Eydallin (in 41’29) davanti al favorito Henri Aymonod, staccato di 36”, e ad Andrea Prandi, con Nicholas Statti ai piedi del podio. Dominio netto, in campo femminile, per Charlotte Bonin, che con il tempo di 50’31” ha dato un distacco di 3 minuti esatti a Chiara Pino, che ha preceduto Jessica Gerard.

Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere ed un Dottorato di ricerca in letteratura francese, nel 2016 sono entrato a far parte di AostaSera come collaboratore. Mi occupo soprattutto di sport e, vista la mia voglia di sperimentare, ho iniziato a provare diverse discipline. Il britpop ed i romanzi esistenzialisti sono stati il punto di partenza della mia formazione culturale.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>