Speciale Trail, Sport
Ultima modifica: 20 giugno 2018 alle ore 3:18

Franco Collé primo alla base vita di Valgrisenche, inseguono Dominguez e Kienzl

Valgrisenche - Dopo 50 chilometri, il valdostano precede di 5 minuti il basco e di 12 l’altoatesino. A seguire Grant ed un gruppo di diversi atleti. Prima notte con il freddo in agguato.

Franco Collé a Valgrisenche

A 50 chilometri dal via dell’ottava edizione del Tor des Géants, la classifica non propone ancora un favorito netto ma comincia a delinearsi una top ten di atleti che potranno lottare fino alla fine.

A Valgrisenche, alle 17.36 il primo a raggiungere la base vita è stato, tra gli applausi, Franco Collé, che ha voluto dare una prova di forza proprio tra Planaval e Bonne superando il basco Javier Dominguez, con cui ha corso buona parte della gara. Collé ha sorpreso un po’ tutti quelli che si aspettavano che i due si sarebbero fatti compagnia durante la notte: il valdostano, infatti, ha fatto un pit stop volante senza entrare a ristorarsi, a differenza dello spagnolo, che si è fermato per qualche minuto. Appena uscito, è arrivato il terzo in graduatoria, Peter Kienzl. A seguire, 11 minuti dopo Kienzl, l’arrivo di Joe Grant, un po’ infreddolito. Tra le 17.58 e le 18.00 è arrivato un gruppo di diversi atleti: Lionel TrivelMichele Quagliaroli, Andrea Macchi, Paolo Rossi, Oliviero Bosatelli (che si è fermato per circa un quarto d’ora) e Gianluca Galeati. Più indietro, al 38° posto provvisorio, l'idolo di casa Bruno Brunod.

La classifica femminile vede, sempre alla base di Valgrisenche, Lisa Borzani in testa con un quarto d'ora circa di vantaggio su Silvia Trigueros Garrote, e 42 sulla britannica Jamie Aarons.

Ora la prima notte aspetta tutti gli atleti, vero banco di prova viste le temperature tutt’altro che miti di questa giornata in quota, mentre domani in mattinata i primi sono attesi a Donnas.

I passaggi a Planaval e Bonne a cura del Gruppo Matou.Tv

Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere ed un Dottorato di ricerca in letteratura francese, nel 2016 sono entrato a far parte di AostaSera come collaboratore. Mi occupo soprattutto di sport e, vista la mia voglia di sperimentare, ho iniziato a provare diverse discipline. Il britpop ed i romanzi esistenzialisti sono stati il punto di partenza della mia formazione culturale.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>