Speciale Trail, Sport

Cancellata l’edizione 2018 del Tor des Châteaux

Aosta - Il numero degli iscritti si conferma molto basso, e VDA Trailers si vede costretta ad alzare bandiera bianca: appena 30 per la gara principale, la 170 km. Nicoletti: “Come minimo saremmo dovuti arrivare ai numeri dell’anno scorso per andare avanti"

La partenza del Tor des Chateaux

Il Tor des Châteaux non ce l’ha fatta: le difficoltà a reperire corridori riscontrate negli scorsi mesi si sono rivelate insormontabili e oggi, martedì 17 aprile, è arrivata la conferma della cancellazione della gara.

Non è bastato il lavoro fatto dagli organizzatori, VDA Trailers, per portare in alto il numero di iscritti che, dal nostro articolo di tre settimane fa, non ha visto un grande incremento: gli iscritti sono passati da 24 a 30 per la 170 km, sono rimasti 15 per la staffetta, mentre un aumento si è visto per la versione in bici, da 10 a 37.

Numeri che non sono sufficienti ad assicurare la necessaria copertura finanziaria alla manifestazione, che è così costretta ad alzare bandiera bianca. Se inizialmente si pensava, come soluzione estrema, di cancellare solo le gare a piedi e mantenere la versione Bikepacking, con la decisione di oggi viene annullata anche quest’ultima.

“Abbiamo dovuto prendere questa decisione drastica perché con così pochi iscritti non aveva senso organizzare la gara”, conferma Alessandra Nicoletti. “Anche dal punto di vista burocratico-amministrativo sono cambiate parecchie cose nell’organizzazione di queste manifestazioni rispetto all’anno scorso”. VDA Trailers si era data un numero minimo di iscritti per decidere se andare avanti o meno con l’organizzazione: “Minimo minimo avremmo dovuto raggiungere il numero di iscritti dell’anno scorso, ma saremmo già stati tirati”. Invece ne sono arrivati meno della metà, e l’edizione 2018 è naufragata.

Ora l’organizzazione si interrogherà e si confronterà per fare in modo che possa vedere la luce l’edizione 2019.

“Il Tor des Châteaux rimane nei nostri migliori intenti”, ribadisce lo staff di Vda Trailers, “e siamo naturalmente pronti fin da ora a suggerimenti, opinioni, incontri per rivedere formula e periodo”.

Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere ed un Dottorato di ricerca in letteratura francese, nel 2016 sono entrato a far parte di AostaSera come collaboratore. Mi occupo soprattutto di sport e, vista la mia voglia di sperimentare, ho iniziato a provare diverse discipline. Il britpop ed i romanzi esistenzialisti sono stati il punto di partenza della mia formazione culturale.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>