Eventi

Notte bianca dei licei al Classico di Aosta

Aosta -Venerdì 11 gennaio, dalle ore 18 alle 24 il liceo classico di Aosta, aderisce alla manifestazione nazionale della “notte bianca” dei Licei, le sue porte resteranno aperte al pubblico proponendo una decina di atelier e due conferenze di esperti.

UniVDA Liceo ClassicoUniVDA Liceo Classico

Anche quest’anno il Liceo classico di Aosta aderisce (per la terza volta consecutiva) alla manifestazione nazionale della “notte bianca” dei Licei, promossa dal Liceo classico di Catania e giunta ormai alla sua quinta edizione.

Venerdì 11 gennaio, dalle ore 18 alle 24 il Liceo di Aosta, in via dei Cappuccini, terrà aperte le sue porte al pubblico, per una serata incentrata sul mondo antico: una decina di ateliers di teatro, danza, canto e laboratori di attività scientifiche intratterranno i visitatori in un progetto che vede coinvolta la totalità degli studenti e degli insegnanti della scuola, nell’ottica della promozione della cultura classica.

Due conferenze di esperti, una di carattere letterario e una di contenuto scientifico, arricchiranno ulteriormente il programma della serata: nell’Aula magna Sant’Anselmo alle ore 19.30 il dottor Bernagozzi dell’Osservatorio astronomico di Saint-Barthélemy intratterrà il pubblico su “Stelle al Classico”, mentre alle 21.30 il prof. Morandini, insegnante e autore di romanzi e racconti, parlerà su “Classici, avanguardie e classici di avanguardia secondo uno scrittore di oggi”.

Alle 23,30, nel cortile della scuola, si svolgerà la cerimonia di chiusura, che avrà luogo in contemporanea in tutti i 433 licei aderenti d’Italia aderenti all’iniziativa.
Durante le sei ore di apertura straordinaria della scuola sarà la cultura classica ad essere protagonista, in diverse forme.

Un’occasione, questa, che si inserisce perfettamente anche nel piano delle attività di orientamento scolastico rivolto agli studenti di Terza media: la scuola si apre alla comunità, al fine di far conoscere sul territorio il suo grande valore educativo e formativo e la sua attualità.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>