Sport

Settimo posto per Federica Brignone nel superG di Val d’Isère

Aosta - Gara prudente della valdostana, con poche sbavature ma scarsa velocità: “Dovevo osare di più”. A vincere è stata Anna Veith, davanti a Tina Weirather e Sofia Goggia

Federica Brignone

Settimo posto per Federica Brignone nel superG di Val d’Isère. Sulla pista Oreilly Killy, su un tracciato simile a quello di ieri, l’atleta di La Salle ha concluso la sua gara con il tempo di 1’06”86, con un distacco di 1”09 da Anna Veith. Chiudono il podio Tina Weirather e Sofia Goggia, prima delle italiane.

Anche oggi la partenza del superG è stata ribassata, e le mutevoli condizioni meteo e di temperatura hanno reso il fondo insidioso e discontinuo, come testimoniano le numerose cadute ed il forfait in partenza della vincitrice di ieri, la statunitense Lindsey Vonn. Federica Brignone, pettorale numero 3, non è riuscita a rifarsi dopo essere rimasta delusa da se stessa ieri e non è riuscita ad incanalare la rabbia, conducendo oggi una gara prudente, senza particolari sbavature ma con scarsa velocità, come ha confermato lei stessa al traguardo: “Mi sono sentita bene, ma non pensavo di prendere più di un secondo di distacco. Sono arrabbiata con me stessa, si poteva e si doveva osare di più. Non sono soddisfatta del settimo posto”.

Martedì 19 a Courchevel, sempre in Francia, Federica tornerà in pista per il gigante: “In questi giorni mi sono allenata, ho fatto un superlavoro, arrivo a Courchevel con due giorni di gigante sulle gambe e mi sento abbastanza pronta. Mi piacerebbe anche provare lo slalom parallelo di mercoledì, è una cosa divertente che vorrei fare, ma vediamo”.

Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere ed un Dottorato di ricerca in letteratura francese, nel 2016 sono entrato a far parte di AostaSera come collaboratore. Mi occupo soprattutto di sport e, vista la mia voglia di sperimentare, ho iniziato a provare diverse discipline. Il britpop ed i romanzi esistenzialisti sono stati il punto di partenza della mia formazione culturale.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>