Sport

Seconda tappa del Tour de Ski, prestazione positiva per De Fabiani

Aosta - Nella 15 km in tecnica classica il valdostano ottiene un importante 8° posto mentre Pellegrino, ancora provato dalla gara di ieri, è 32°. Vittoria per Dario Cologna

Francesco De Fabiani - foto Alessandro Garofalo Pentaphoto MateImage

Torna a sorridere Francesco De Fabiani che a Lenzerheide, nella seconda tappa del Tour de Ski, trova un piazzamento nei primi dieci, con un positivo ottavo posto. Nella 15 km in tecnica classica la vittoria è andata al padrone di casa Dario Cologna con il tempo di 35’29”5, seguito da Poltoranin e Sundby. Sono stati 27 i secondi che separano il valdostano dal vincitore (35’56”7).

Paga caro, invece, lo sforzo profuso ieri per ottenere il secondo posto nella sprint Federico Pellegrino, solo 32° con il tempo di 36’57”3. “È stata una delle sprint più faticose della mia vita”, aveva dichiarato ieri, “ma questo secondo posto vale oro perché con le mie gambe che girano bene posso fare ben altro. È un periodo di carico e il fisico non ha risposto al meglio. So che è normale che sia così anche se mi immaginavo di fare meno fatica e di poter tenere testa sino all'ultimo metro a Sergey Ustiugov, oggi davvero il più forte. Ho provato l'attacco in discesa ma lì ho capito che le gambe non erano quelle dei giorni migliori e che non mi avrebbero permesso di passare davanti e di resistere sino al traguardo. Ho dovuto accodarmi, tenere duro sino al traguardo, finire secondo e far passare qualche minuto in pieno acido lattico prima di riprendermi. Il mio sport è anche questo ed è giusto e bello così”.

Non riesce di un soffio ad entrare nelle prime 30 Elisa Brocard che, con il tempo di 29’06”6, conclude al 31° posto la 10 km femminile.

Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere ed un Dottorato di ricerca in letteratura francese, nel 2016 sono entrato a far parte di AostaSera come collaboratore. Mi occupo soprattutto di sport e, vista la mia voglia di sperimentare, ho iniziato a provare diverse discipline. Il britpop ed i romanzi esistenzialisti sono stati il punto di partenza della mia formazione culturale.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>