Sport
Ultima modifica: 20 giugno 2018 alle ore 4:19

Podio sfiorato per Federico Pellegrino, 4°. Bene anche Greta Laurent

Aosta - Nella sprint a tecnica libera di Seefeld il poliziotto di Nus è 4° e vede sfumare il terzo posto nella volata finale. Greta Laurent è 9°, miglior risultato in carriera in Coppa del Mondo che potrebbe valerle il biglietto per la Corea

Federico Pellegrino - Foto Fisi

L’ultimo appuntamento prima della partenza per le Olimpiadi lascia sensazioni tutte da decifrare per Federico Pellegrino. Nella sprint a tecnica libera di Seefeld, in Austria (dove l’anno prossimo si disputeranno i Mondiali), il poliziotto di Nus chiude quarto, con il podio soffiatogli proprio sul traguardo da Calle Halfvarsson per soli 9 centesimi, quando ormai il terzo posto sembrava in tasca. Un lieve calo fisico che potrebbe essere dovuto ai carichi di lavoro finalizzati alle gare di PyeongChang. A vincere è stato ovviamente Klaebo, con Chanavat secondo. Ottima anche la prova di Greta Laurent, che con il nono posto –miglior risultato di carriera in Coppa del Mondo  – potrebbe avere in tasca il biglietto per la Corea.

Nei quarti di finale Pellegrino, secondo in qualifica a distanza siderale da Klaebo (2’51”77 contro 2’46”89 del norvegese), è riuscito a recuperare dopo un lieve contatto con Westberg e a mettere tutti dietro di sé, con una tattica nella scelta della batteria che gli ha permesso di eliminare Hakkola, Gros e Schaad. In semifinale, invece, il poliziotto di Nus rimane nelle retrovie senza riuscire a rimontare lo svantaggio, strappando un quarto posto di batteria che gli consente di guadagnare l’accesso in finale come lucky loser.

Greta Laurent si dimostra in splendida forma e opziona il biglietto per la Corea. La compagna di Pellegrino un po’ a sorpresa si classifica seconda nella fase delle qualificazioni con il tempo di 2’22”87, a 1”43 da Maiken Caspersen Falla. Nei quarti di finale la magia si ripete, e la gressonara guadagna l’accesso alle semifinali vincendo la propria batteria in volata su Tiril Weng e Ida Ingemarsdotter. La sua rincorsa finisce proprio in semifinale, dove conclude al quinto posto la propria categoria che le vale il nono posto finale. La vittoria è andata a Van Der Graaf davanti a Caldwell e Falla.

Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere ed un Dottorato di ricerca in letteratura francese, nel 2016 sono entrato a far parte di AostaSera come collaboratore. Mi occupo soprattutto di sport e, vista la mia voglia di sperimentare, ho iniziato a provare diverse discipline. Il britpop ed i romanzi esistenzialisti sono stati il punto di partenza della mia formazione culturale.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>