Sport

Mountain bike, la Valle d’Aosta Campione d’Italia Giovanile di staffetta a Silvi Alta

Aosta - La maglia tricolore va a Andreas Vittone, Thierry Grivel, Sylvie Truc, Nicole Pesse e Filippo Agostinacchio, mentre il quintetto composto da Lorenzo Russotto, Yannick Parisi, Giulia Challancin, Gaia Tormena e Federico Serpone ha concluso al quarto posto.

Andreas Vittone, Thierry Grivel, Sylvie Truc, Nicole Pesse e Filippo Agostinacchio

La rappresentativa valdostana di mountain bike è Campione d’Italia Giovanile di Staffetta, e per poco non scrive una pagina storica, piazzando addirittura due squadre sul podio. La maglia tricolore va a Andreas Vittone, Thierry Grivel, Sylvie Truc, Nicole Pesse e Filippo Agostinacchio, mentre il quintetto composto da Lorenzo Russotto, Yannick Parisi, Giulia Challancin, Gaia Tormena e Federico Serpone (quarti) ha fallito la terza posizione per un nonnulla, distanziata dal Piemonte 1 di 49 secondi.

Venti squadre ai nastri di partenza e gara disputata in condizioni meteo a dir poco difficili – pioggia torrenziale e tracciato reso durissimo dal fango – la rappresentativa valdostana ha sempre fatto parte del gruppo di testa. Andreas Vittone (Cicli Lucchini; 12’47”32) al lancio, ha passato il testimone in prima posizione a Thierry Grivel (Pila Bike Planet; 23’55”43 tempo totale dopo due giri); a seguire, Sylvie Truc (36’32”51) e Nicole Pesse (entrambe del Cicli Lucchini; 48’25”21).

Ultima frazione affidata a Filippo Agostinacchio (Pila Bike Planet), che completava gli ultimi chilometri partendo dalla seconda posizione, distanziato di tre secondi dal capoclassifica, facevano registrare un “tempone”: 10’21”69. Rimonta sulla Lombardia completata, per tagliare il traguardo al comando, con il crono complessivo di 58’56”90, e consegnare la maglia tricolore alla rappresentativa della Valle d’Aosta.

Sempre di rimonta, invece, la gara della seconda squadra rossonera al via. Al lancio Lorenzo Russotto (Gs Lupi Valle d’Aosta; 14’16”28), e frazioni successive affidate a Yannick Parisi (25’37”) e Giulia Challancin (entrambi del Pila Bike Planet; 37’15”92), Gaia Tormena (Cicli Lucchini; 50’09”29) e Federico Serpone (Gs Lupi), quest’ultimo alla prese anche del salto di catena nell’ultimo giro. Per questo quintetto il quarto posto, con il tempo complessivo di 1h02’38”51) a 49” dal terzo gradino del podio, occupato dal Piemonte (1h01’49”51).

Massimiliano Riccio

39 anni, giornalista professionista: oltre a brontolare continuamente, in redazione mi occupo di tutto un po’, dalla politica allo sport, con un occhio di riguardo per la fotografia e i video. Sono appassionato di tecnologia, musica, grigliate e basket americano.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>