Sport

Elisa Brocard conclude al 17° posto il Tour de Ski

Aosta - Buona prestazione dell’alpina di Gressan, che nell’ultima tappa, la salita dell’Alpe Cermis, ha ottenuto il 20° tempo di giornata. La vittoria finale è della norvegese Heidi Weng. Niente “Final Climb” per De Fabiani

Elisa Brocard all'arrivo sul Cermis - foto Newspower.it

Si è concluso in Val di Fiemme oggi, domenica 7 gennaio, il Tour de Ski di sci di fondo, con la tappa in tecnica libera ad inseguimento di 9 km che porta alla salita dell’Alpe del Cermis.

Elisa Brocard era l’unica italiana rimasta in gara, e si è potuta far apprezzare con un buon 17° posto finale, frutto di prestazioni sempre in crescendo che l’hanno portata a concludere le sei tappe in 2h29’35”4, a 8’38”9 da Heidi Weng, che ha vinto il Tour superando oggi Ingvild Flugstad Oestberg. Chiude il podio la statunitense Jessica Diggins. Per l’alpina di Gressan la fatica oggi si è fatta sentire nell’impervia “Final Climb”, salita massacrante che la valdostana ha concluso in 35’15”5, 20° tempo di giornata, perdendo quindi tre posizioni in classifica generale.

Non ha preso parte alla tappa finale, invece, Francesco De Fabiani, che era in 11° posizione nella classifica generale e lasciando al solo Mirco Bertolina (visti anche i forfait di Giandomenico Salvadori e Dietmar Noeckler) il compito di difendere i colori italiani. DeFa, reduce da un ottimo Tour de Ski che si spera possa dargli lo sprint giusto per il prosieguo della stagione, ha preferito ritirarsi per non compromettere le Olimpiadi: “Sarebbe troppo rischioso per le mie gambe, che ci mettono sempre molto a recuperare quella gara”, ha commentato sulla sua pagina Facebook. “Preferisco non avere rimorsi tra un mese”.

Dopo una laurea in Lingue e Letterature Straniere ed un Dottorato di ricerca in letteratura francese, nel 2016 sono entrato a far parte di AostaSera come collaboratore. Mi occupo soprattutto di sport e, vista la mia voglia di sperimentare, ho iniziato a provare diverse discipline. Il britpop ed i romanzi esistenzialisti sono stati il punto di partenza della mia formazione culturale.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>