Sport
Ultima modifica: 20 giugno 2018 alle ore 5:14

Dennis Brunod e Tatiana Locatelli vincono il Trail della Becca di Viou

Sulla distanza breve (23 chilometri) invece la vittoria è andata a Stefano Bertucci e Katia Perratone.

Dennis Brunod

La seconda tappa del Tour Trail della Valle d’Aosta, il Trail della Becca di Viou, con partenza da Roisan e arrivo a Valpelline, è stata vinta da Dennis Brunod e Tatiana Locatelli (33 chilometri) e da Stefano Bertucci e Katia Perratone (23 chilometri).

Nella 33 chilometri Dennis Brunod è partito a tutta ed è volato subito al comando. Al passaggio appena sopra il centro di Valpelline aveva già un notevole vantaggio su Mathieu Brunod che poi ha ulteriormente incrementato sul finale. Ha vinto in 2 ore 52' 26", lasciando Mathieu Brunod a oltre dodici minuti (3 ore 04' 46"). Terzo gradino del podio per il piemontese Maurizio Fenoglio, all'arrivo in 3 ore 16' 09".

Nella gara femminile dominio netto della favorita Tatiana Locatelli che ha chiuso 17a assoluta in 3 ore 54' 31". Oltre le 4 ore per le altre donne in gara: seconda Anna De Biase (4 ore 16' 34") e terza Nilda Blanc (4 ore 32' 53").

Nella 23 chilometri le prime due posizioni sono cambiate negli ultimi chilometri. Dopo un grande avvio e il comando provvisorio, Alex Déjanaz – secondo sul traguardo in 2 ore 15' 13" – ha ceduto nei confronti di Stefano Bertucci, primo in 2 ore 14' 26". Terzo posto per Giuliano Cavallo in 2 ore 17' 21".

Con il diciassettesimo tempo assoluto, Katia Perratone ha vinto la 23 chilometri femminile in 2 ore 43' 25", andando a precedere Elisabetta Negra (2 ore 44' 01") e Marcella Pont (2 ore 59' 57").

La prossima tappa del Tour Trail della Valle d’Aosta è in programma il 9 giugno con il Quart Trail des Alpages, alla prima presenza all’interno del circuito e finora sempre stata non competitiva. A Valpelline, invece, si ritornerà il 24 giugno con il Vertical fino in cima alla Becca di Viou. Una giornata di sport che sarà abbinata anche all’ormai consueto triangolo enogastronomico. Con una novità: il concerto de L’Orage a metà pomeriggio.

Tag:
Massimiliano Riccio

39 anni, giornalista professionista: oltre a brontolare continuamente, in redazione mi occupo di tutto un po’, dalla politica allo sport, con un occhio di riguardo per la fotografia e i video. Sono appassionato di tecnologia, musica, grigliate e basket americano.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>