Società

Spi Cgil, Falcomatà eletto segretario del Sindacato pensionati

Aosta -Domenico Falcomatà, segretario regionale Cgil, subentra a Gaetano Maiorana da otto anni alla guida dello Spi. L'elezione – a larga maggioranza – è avvenuta, ieri, martedì 8 maggio.

Il tavolo dei relatori Spi Cgil con, primo a sinistra, Domenico Falcomatà

Passaggio del testimone allo Spi Cgil Valle d’Aosta, il sindacato pensionati italiani. Domenico Falcomatà, segretario regionale Cgil, subentra a Gaetano Maiorana da otto anni alla guida dello Spi. L'elezione – a larga maggioranza – è avvenuta, ieri, martedì 8 maggio alla presenza dei membri dell'Assemblea Generale, organo che elegge il segretario, e alla Segreteria nazionale dello Spi, rappresentata da Attilio Arseni, segretario dell’organizzazione Spi nazionale, e Lorenzo Mazzoli, responsabile Spi nazionale dipartimento organizzazione.

“Lascio uno Spi in buona salute – sottolinea il segretario uscente Maiorana –, un gruppo dirigente attento ai bisogni delle persone da tutelare e una situazione degli iscritti in costante crescita, segno del buon lavoro che abbiamo svolto. A livello locale, ho lavorato con impegno e determinazione e ho collaborato con il segretario generale della Cgil per affrontare e risolvere i molti problemi che in questi anni hanno interessato il mondo dei pensionati e dei lavoratori”.

“Nella nostra regione – ha spiegato Falcomatà insediandosi – il welfare è ancora di buona qualità. Nonostante ciò, non si può nascondere che comunque ha risentito della crisi e del forte calo di risorse del bilancio regionale. In questi anni, con il sindacato pensionati Cgil abbiamo cercato di sollecitare il governo regionale e il Comune di Aosta, affinché venissero affrontati in tempi rapidi alcune criticità e, in un contesto politico-economico che ha assunto una deriva particolarmente preoccupante, fossero messi in sicurezza alcuni capisaldi del sistema esistente, chiedendo e ottenendo miglioramenti delle prestazioni socio-assistenziali o salvaguardando l’esistente. Ritengo, tuttavia, che ciò non sia ancora sufficiente. La sfida per il futuro è quella di estendere il nostro campo d’azione, oltre al fatto di proseguire con la contrattazione in campo sociale e in campo sanitario”.

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>