Società

Sindacati sul piede di guerra: “Sul rilancio del welfare valdostano si passi dalle parole ai fatti”

Aosta - A denunciarlo una nota congiunta dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e Savt che avevano firmato, lo scorso 8 novembre, un protocollo d'intesa che prevedeva maggiori risorse per il welfare: "Ora si proceda nel percorso deliberativo".

Il rilancio del sistema del welfare valdostano è rimasto solamente “sulla carta e nelle buone intenzioni”. A denunciarlo una nota congiunta dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e Savt che dopo aver firmato, lo scorso 8 novembre, un protocollo d'intesa che a partire da maggiori risorse economiche preventivate sul 2017 intendeva creare una regia unica della Regione sui servizi socio sanitari assistenziali, si ritrovano a prendere atto che non ci sono stati passi avanti.

“Apprendiamo – scrivono – che l'Unité des Communes valdôtaines Grand-Combin, in disavanzo di gestione nelle microcomunità per anziani, dovrà tagliare le spese chiudendo o esternalizzando i servizi di una struttura e che pertanto non potrà assumere le cinque operatrici socio sanitarie per le quali aveva puntualmente preteso una procedura concorsuale”.

Problemi simili riscontrati anche nell'Unité Mont-Émilius che, prosegue la nota delle signe sindacali, “ha dovuto esternalizzare, inserendo nella procedura anche la gestione pubblica dell'asilo nido di Nus, tre asili nido a risorse ampiamente ridotte e chiudendo contestualmente il servizio di Garderie di Fénis, creando così un 'ibrido' pubblico/privato, a nostro avviso, quantomeno discutibile”.

Ora, la richiesta, è che si passi ad azioni concrete: “È urgente passare dagli intenti ai fatti – chiude il comunicato – e procedere compiutamente ed immediatamente in direzione del percorso normativo e deliberativo, attinente alle premesse ed agli obiettivi del protocollo d'intesa sul welfare, attivando tutti i tavoli tecnici e di confronto necessari con le Organizzazioni Sindacali o sarà troppo tardi”.

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>