Società
Ultima modifica: 19 giugno 2018 alle ore 18:38

Riapre la pista ciclo-pedonabile della Plaine d’Aoste

Aosta -Dal 15 marzo riapre il servizio di gestone della pista del lungo Dora. Tra le novità di quest’anno la partecipazione alle spese di manutenzione e gestione dei comuni di Aosta e Sarre e l’istallazione di due conta persone.

Pista pedonabile

Riprende giovedì 15 marzo il controllo, la manutenzione e l’apertura ufficiale dei quasi 30 chilometri della pista ciclopedonale della Plaine d’Aoste gestita dalla Comunità montana Mont-Emilius, dopo l’interruzione del servizio, dal 15 novembre, per i canonici quattro mesi invernali. Tra le novità di questa nuova stagione figurano due conta persone, “apparecchiature che sapranno fornire preziose indicazioni sugli accessi e sulla frequentazione della percorso- scrivono dalla Comunità Montana Mt.Emilius – in grado di distinguere il pedone dal ciclista, affinando così le risposte con dati più mirati”.

La pista è riservata a pedoni e biciclette, quest’ultime devono mantenere una velocità moderata. Sono banditi invece gli animali, cani e cavalli, questione che aveva creato polemiche e l’invio di una lettera da parte del Cte-Valle d’Aosta, la Confederazione Tecnici Equestri. Da quest’anno concorrono alle spese di gestione, pari a 70mila euro, le Amministrazioni comunali di Sarre e Aosta.

Il futuro della pista ciclabile vede in questa fase i lavori del quarto lotto, Brissogne – Saint-Marcel, della lunghezza di circa 4 km. “Per ora resta autonomo il tracciato di 5,4 km, a servizio del Comune di Fénis che la Comunità montana Mont Emilius si propone collegare a ovest con il quinto lotto della ciclopedonale (in fase di progettazione) che da Saint-Marcel toccherà Nus per poi raggiungere Fénis, e ad est con il tracciato della Comunità montana Monte Cervino, per creare quello che sarà un lungo e qualificante percorso lungo l’asse centrale, una proposta turistica interessante che ha una sua nicchia di frequentatori in costante crescita” .
 

logo AostaSera

Siamo un team di giornalisti quasi giovani, nati e cresciuti, lavorativamente parlando, sul web.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>