Società

Ospedale Parini da “tutto esaurito”, è emergenza posti letto

Aosta -Notizie di giornata parlano di un Ospedale che ieri sera era al 100% della sua capienza, senza più posti disponibili e con tutte le barelle in Pronto Soccorso occupate. Rubbo: "Stiamo lavorando per incrementare i posti letto, è questa la nostra priorità”.

Ospedale Parini

Se l’inverno ha portato finora buoni flussi turistici in tutta la Regione, il “tutto esaurito” si è però visto all’Ospedale Regionale di Aosta. È emergenza-letti infatti al Parini, per una situazione che va avanti da Capodanno, e che è ancora lungi dall’essere risolta. Notizie di giornata, anzi, parlano di un Ospedale che ieri sera era al 100% della sua capienza, senza più posti disponibili e con tutte le barelle in Pronto Soccorso occupate.

Una concomitanza di eventi, secondo il Direttore generale dell’Usl Igor Rubbo, tra i quali pesa il gran numero di casi di influenza, destinato peraltro a salire: “Il picco – spiega il Direttore – deve ancora arrivare, anche se la situazione è presidiata di continuo e abbiamo appena avuto una riunione per programmare l’aumento dei posti letti”.

Posti letto diminuiti anche per un altro motivo: “Oltre all’influenza – prosegue Rubbo – è in corso di ristrutturazione il reparto di Geriatria, quindi con 8 posti in meno, i cui degenti, quelli non problematici ma solo in osservazione sono stati trasferiti presso la clinica di Saint-Pierre”.

Allarme che, secondo Rubbo, è destinato a durare ancora: “L’idea è che ne avremo ancora per circa una ventina di giorni, purtroppo le concomitanze del momento, a questo si aggiunge anche il maltempo persistente hanno fatto sì che dovessimo adottare anche delle misure drastiche”. Tra le quali alcune “incursioni provvisorie” in Pronto soccorso: “Solo persone in Osservazione Breve Intensiva – spiega ancora il Direttore – perché se c’è necessità di tornare in degenza e spostare qualcuno si liberano posti letto”.

E sul rischio, paventato, che possano saltare alcuni ricoveri programmati, Rubbo spiega che: “Il lato positivo è che sono ripartite anche tutte le sale operatorie, anche se di riflesso anche tutti i letti chirurgici sono occupati. Riguardo i ricoveri programmati, soprattutto quelli chirurgici, l’obiettivo è naturalmente quello di non farli saltare. Proprio per questo stiamo lavorando per incrementare i posti letto, è questa la nostra priorità”.

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>