Società

Le Guide alpine corrono ai ripari contro l'”abusivismo dilagante”

Aosta - Nell'agosto scorso è stata decisa l'istituzione di una commissione ad hoc "per rendere più efficace la sorveglianza" e "con lo scopo di tutelare gli utenti che inconsapevolmente possano affidarsi a figure non autorizzate".

Cascata di ghiaccio - Archivio fotografico AIAT Gran San Bernardo

Le guide alpine corrono ai ripari contro chi esercita la professione in modo abusivo. Nell'agosto scorso è stata decisa l'istituzione di una commissione ad hoc "per rendere più efficace la sorveglianza" e "con lo scopo di tutelare gli utenti che inconsapevolmente possano affidarsi a figure non autorizzate, la cui professionalità non sia garantita da standard internazionali e dall’iter formativo adeguato". La commissione interna al Collegio delle Guide Italiane ha preso la sua forma definitiva nel dicembre scorso. 

“Il mercato del mondo Outdoor – spiega Stefano Michelazzi, Guida Alpina responsabile della commissione contro l’abusivismo -, ovvero delle attività che vengono svolte in ambiente naturale, è ad oggi una risorsa sia culturale che economica in evidente attivo. L'esercizio di queste attività deve attenersi ai criteri stabiliti dalle normative che regolano le differenze tra dilettantismo e professionismo, al fine di preservare le garanzie di chi si affida a un'organizzazione. Le Guide Alpine italiane nella loro veste di ente pubblico hanno tra i diversi compiti anche quello di vigilare affinché negli ambiti di loro competenza questo confine tra dilettantismo e professionismo sia ben evidenziato ed affinché chi opera in questi campi, rispetti quelle norme di garanzia espresse dalla Legge”. La commissione assorbe le segnalazioni di professionisti o di privati cittadini, prendendole in carico, analizzandole e dove opportuno segnalandole alla magistratura.

“Le Guide Alpine italiane stanno operando per mettere un freno a una situazione di abusivismo ‘dilagante’ che può, se non arrestata, diventare un fenomeno estremamente pericoloso per la società e per gli eventuali clienti, i quali spesso ignari, si affidano alla sedicente guida senza alcuna garanzia di competenza e senza assicurazione".

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>