Società

Inquinamento dell’aria, la Regione vieta gli abbruciamenti dal 1° novembre al 28 febbraio

Aosta - Superati su Aosta e nel fondovalle i valori obiettivo del benzo(a)pirene, inquinante, accertato come cancerogeno per l’uomo. La delibera passata in Giunta lunedì dovrà passare ora all'esame dei sindaci.

Da anni i riflettori dell’Osservatorio sulla qualità dell’aria di Aosta si accendono sul benzo(a)pirene. Dal 2012 il valore medio annuo dell’inquinante, accertato come cancerogeno per l’uomo e originato dalla combustione di materiale organico, è cresciuto, superando negli ultimi anni il valore obiettivo in alcune stazioni di monitoraggio del fondovalle e di Aosta. L’Assessorato regionale all’Ambiente ha deciso, quindi, di correre ai ripari vietando dal 1° novembre al 28 febbraio gli abbruciamenti in tutti i comuni della Valle, indipendentemente dalla quota altimetrica. La delibera è passata lunedì scorso in Giunta e ora dovrà andare all’esame dei sindaci.

“La combustione dei residui agricoli dà origine a polveri sottili (PM10-PM2.5) –  si ricorda della delibera –  le quali veicolano a loro volta composti cancerogeni, come ad esempio il benzo(a)pirene e diossine…"Le concentrazioni di tali inquinanti risultano più critiche nei mesi invernali, in quanto ad esse si sommano quelle derivanti dal riscaldamento domestico e dal traffico”.

Il divieto potrà essere superato solo previa autorizzazione del sindaco del comune territorialmente competente e su segnalazione del Corpo forestale della Valle d’Aosta e “solo qualora sussista la necessità di effettuare interventi di carattere fitosanitario, che prevedano l’abbruciamento delle parti infette in un particolare stadio evolutivo dell’insetto o del patogeno per limitarne la diffusione, come avviene ad esempio per la Processionaria del pino”.

"E' una misura sperimentale, tra l'altro prevista dal piano aria – spiega l'Assessore regionale all'Ambiente, Fabrizio Roscio – e presa d'accordo con l'Assessorato all'Agricoltura e l'azienda Usl. Bisogna abbassare il benzo(a)pirene e visto che non si può vietare alle gente di riscaldarsi andiamo a intervenire sugli abbruciamenti di sterpaglie". 

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>