Società

Ecosistema urbano, Aosta risale la classifica. Bene la differenziata, male i trasporti

Aosta - Nel rapporto di Legambiente e Ambiente Italia, pubblicato dal Sole 24 Ore, Aosta si piazza al 36esimo posto con 55,50 punti (nel 2015 si era fermata a 51,31).

La discarica di Brissogne

Dopo esser precipitata l'anno scorso alla 62esima posizione, Aosta torna a scalare la classifica del rapporto "Ecosistema urbano" di Legambiente tornando ai livelli del 2014. La XXIII edizione incorona Macerata (76,48) che ruba il primo posto a Verbania (76,38). Terzo posto per Mantova (70,51). Aosta si piazza al 36esimo posto con 55,50 punti (nel 2015 si era fermata a 51,31). All'ultimo posto Vibo Valentia (29,16).

Venendo ai singoli parametri si mantiene stabile la situazione delle polveri sottili (16esima posizione con 20 ug/mc  – media dei valori annuali di PM10 registrati dalle centrali urbane), delle emissioni pericolose (35esima posizione per Aosta 28 ug/mc – media annua di Biossido di azoto). La migliore qualità dell'aria si regista a Pisa. Aumentano i giorni di superamenti nocivi (sforamenti della media mobile di 120 ug/mc): 28,5 giorni nel 2015.

Peggiorano ancora i dati sui consumi idrici, 87esima in classifica (79esima l'anno scorso) con 184,1 litri per abitante al giorno, e quelli sulla dispersione della rete, 51esima con 33,5% di differenza fra acqua immessa e acqua consumata (nel rapporto 2015 era il 20,5%).
Diminuisce ma di poco la produzione procapite di rifiuti, dai 468 kg si passa a 466,6 (30esima posizione) mentre migliora nettamente la raccolta differenziata, dal 44,1% al 58,3% che fa guadagnare ad Aosta la 36esima posizione (primo posto per Verbania con l',86,2%, ultimo per Siracusa con il 3% circa). 34esima posizione per l'utilizzo di fonti rinnovabili nei consumi domestici. 

Infine continua a essere disastrosa la mobilità. Aosta si trova al 67esimo posto con il 95% di cittadini che si spostano in ambito urbano con mezzi a motore privati. Allo stesso tempo diminuisce il rapporto fra passeggeri trasportati all'anno per abitante, dai 18 del 2014 ai 14 del 2015. Aumenta ma di poco l'indice di ciclabilità: da 5,79 metri equivalenti ogni 100 abitanti a 5,85 (44esimo posto per Aosta). Si mantiene stabile la superficie pedonalizzata, 0,06 metri quadrati per abitante che posizionano il capoluogo regionale all'86esima posizione in classifica. In uno scenario dove a farla da padrone sono le auto i sinistri stradali sono all'ordine del giorno: ogni 1000 abitanti sono circa 20 le persone che hanno riportato lesioni.

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>