Società

Aosta, la raccolta differenziata al 67%. Nei mercati arriva il Ptr mobile

Aosta - "I margini per superare queste percentuali ci sono ed è possibile arrivare al 70/75%” In particolare secondo Jean-Loius Quendoz sono i condominii “l’anello debole della catena”. 

Jean Louis Quendoz, Delio Donzel e Marco Framarin

E’ arrivata nel 2016 al 67% la raccolta differenziata ad Aosta. Il dato è stato comunicato questa mattina dall’Assessore comunale all’Ambiente, Delio Donzel, durante la conferenza stampa di presentazione del calendario 2017 che ogni anno l’Assessorato con il finanziamento della ditta Quendoz distribuisce alle famiglie aostane, con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sulla raccolta differenziata 

“La percentuali sono in crescita, certo si potrebbe fare di più, ci sono ancora dei cittadini  che potrebbero fare meglio e su questi stiamo lavorando – ha detto l’Assessore comunale all’Ambiente, Delio Donzel – I margini per superare queste percentuali ci sono ed è possibile arrivare al 70/75%” In particolare secondo Jean-Loius Quendoz sono i condominii “l’anello debole della catena”. 

Nel 2016 sono state raccolte 2662 tonnellate di organico (il 16% della diferenziata) “recuperate per fare dell’ottimo compost”, 1025 tonnellate di cartone, 1475 di carta, 1470 tonnellate di vetro e 1297 di multimateriale.

Fra le novità che verranno a breve introdotte dalla ditta Quendoz c’è il Ptr (Punto di raccolta tecnologico) mobile che andrà a servire tutti i mercati cittadini e le manifestazioni del Comune di Aosta.

Per il prossimo anno è intenzione del comune coinvolgere l’Istituto d’arte nella realizzazione del calendario. L’esperimento di quest’anno di raccogliere le foto attraverso un concorso non ha infatti riscosso successo e il calendario 2016 presenta solo una delle foto arrivate. 

 

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>