Società

A Gressoney un punto di raccolta di beni di prima necessità per le vittime del terremoto

Gressoney-Saint-Jean - In particolare si sono mobilitati i titolari dell’Hotel LysHaus, Debora Callegari insieme ai famigliari, lanciando un appello sui social network. “Servono abiti caldi, scarponcini, coperte e cibo in scatola”.

LysHaus a Gressoney Saint-Jean

Anche nella Valle del Lys si raccolgono beni di prima necessità per le vittime del terremoto del centro Italia. In particolare a Gressoney-Saint-Jean si sono mobilitati i titolari dell’Hotel LysHaus, Debora Callegari insieme ai famigliari, lanciando un appello sui social network. “Raccoglieremo qui da noi abiti caldi, scarponcini, coperte e cibo in scatola – spiega Callegari – che saranno poi inviati ai terremotati dalla onlus “Salvati per servire”, associazione che si occuperà tra le altre cose di trasportare del pane dall’Aquila alle zone colpite dal nuovo sisma”.

Tag:
Massimiliano Riccio

39 anni, giornalista professionista: oltre a brontolare continuamente, in redazione mi occupo di tutto un po’, dalla politica allo sport, con un occhio di riguardo per la fotografia e i video. Sono appassionato di tecnologia, musica, grigliate e basket americano.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>