Politica

Vaccini, il Savt: “Burocrazia scaricata sulle scuole”

Aosta - L'auspicio del sindacato è quindi che la "parte politica si attivi al più presto per aprire un dialogo costruttivo sulla problematica e recepire il disagio delle lavoratrici e dei lavoratori della scuola".

Vaccini

"Sulle scuole è scaricata la burocrazia derivante dalle dichiarazioni vaccinali. Le segreterie scolastiche sono oberate dalla burocrazia ed aggiungere incombenze senza aumentare le risorse pare a noi totalmente illogico". Il Savt è critico sulla legge sull'obbligo vaccinale. Il sindacato si dice "fortemente preoccupato per l'impatto che la legge sull'obbligo vaccinale avrà nelle scuole".

Inoltre il Savt punta i riflettori sulla scelta di non ammettere alla scuola dell'infanzia i bimbi non vaccinati. "Se da una parte il ministro Valeria Fedeli propone l'estensione a 18 anni dell'obbligo scolastico, dall'altro vediamo con desolazione che la scuola dell'infanzia non viene trattata alla stregua degli altri ordini di scuola. È da anni che il SAVT auspica l'obbligatorietà della scuola dell'infanzia almeno nell'ultimo anno (per i bambini di 5 anni) ed, invece, rischiamo di vedere esclusi alcuni piccoli alunni dalle nostre classi".

L'auspicio del sindacato è quindi che la "parte politica si attivi al più presto per aprire un dialogo costruttivo sulla problematica e recepire il disagio delle lavoratrici e dei lavoratori della scuola".

Tag:

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>