Politica

UVP in maggioranza, domani l’elezione del nuovo Assessore alla Sanità e del Presidente del Consiglio

Aosta -Oggi le dimissioni di Antonio Fosson dalla carica di Assessore alla sanità da una parte, e di Marco Viérin, da quella di Presidente. Nel frattempo i gruppi ALPE e M5S chiedono la riduzione degli Assessorati.

Consiglio regionale

Il fine settimana d’incontri, riunioni e telefonate, caratterizzato dai patemi d’animo di una Stella Alpina messa alle corde dal suo alleato più prezioso, l’UV, ha regalato alla politica il colpo di scena atteso a lungo, in questi mesi, anche se più volte negato con forza dai diretti interessati: l’ingresso dell‘UVP in maggioranza.

Una larghissima maggioranza di 28 consiglieri su 35, composta da Union Valdôtaine, Stella Alpina e Partito Democratico, ai quali si aggiungerà proprio l’Union Valdôtaine Progressiste, e che a partire da domani sosterrà più saldamente la Giunta del presidente, Augusto Rollandin.

Per rendere possibile l’allargamento agli unionisti tornati all’ovile sono serviti un paio di "sacrifici", tra le fila dell’UV e della Stella Alpina. Oggi, infatti sono arrivate le dimissioni del Consigliere Antonio Fosson dalla carica di Assessore alla sanità, salute e politiche sociali da una parte, e dei Consiglieri Marco Viérin, David Follien, Andrea Rosset e Stefano Borrello rispettivamente dalle cariche di Presidente, di Vicepresidenti e di Segretario del Consiglio dall’altra. Insomma, un breve preludio al "rimpastino" previsto domani in Consiglio Valle.

L’ordine del giorno dell’adunanza, dunque, è stato integrato da sette punti che prevedono l’elezione di un nuovo Assessore (Andrea Rosset dovrebbe essere l’uomo designato dai Progressisti), di un nuovo Presidente del Consiglio (il nome più accreditato è sempre quello di Laurent Viérin, ndr) e del suo ufficio di Presidenza (con Borrello che potrebbe guadagnare la Vicepresidenza), oltre che la ricomposizione delle Commissioni consiliari permanenti.

Nel frattempo I gruppi ALPE e M5S chiedono la riduzione degli Assessorati. I Consiglieri dei due gruppi presenteranno un ordine del giorno volto alla riduzione del numero delle poltrone e alla creazione di modalità di collegamento dirette delle deleghe assessorili alle materie di competenza delle Commissioni consiliari permanenti.

Un ordine del giorno analogo è già stato presentato a più riprese nel corso della legislatura ed è sempre stato respinto. La prima volta, all’inizio della 14a Legislatura nel luglio 2013, il testo era stato sottoscritto dai gruppi UVP, ALPE, PD-Sinistra VdA e M5S; l’iniziativa è stata poi riproposta nel luglio 2015 dai gruppi UVP, ALPE e M5S, al momento dell’elezione ad Assessore del Consigliere Donzel del gruppo PD-Sinistra VdA.

«Visto che domani sarà varata l’entrata in maggioranza del soggetto politico che ha sottoscritto insieme a noi per ben due volte la riduzione degli Assessorati – dicono i Consiglieri di ALPE e M5S -, non abbiamo dubbi che la nostra proposta possa finalmente essere accolta. Se cambiamento di rotta sarà, lo vedremo dall’approvazione di questo atto. Per una questione di coerenza.»

Massimiliano Riccio

39 anni, giornalista professionista: oltre a brontolare continuamente, in redazione mi occupo di tutto un po’, dalla politica allo sport, con un occhio di riguardo per la fotografia e i video. Sono appassionato di tecnologia, musica, grigliate e basket americano.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>