Politica

Traforo del Monte Bianco, sull’ipotesi raddoppio la maggioranza studia

Aosta -“Stiamo vagliando tutti i dati tecnici della struttura, la manutenzione, la sicurezza. C’è un lavoro comune” ha spiegato il Presidente della Regione, Antonio Fosson.

Il traforo del Monte Bianco

Sull’ipotesi di raddoppio del traforo del Monte Bianco la nuova maggioranza studia. E’ quanto emerso ieri durante la conferenza stampa di Giunta.

“Stiamo vagliando tutti i dati tecnici della struttura, la manutenzione, la sicurezza. C’è un lavoro comune” ha spiegato il Presidente della Regione, Antonio Fosson.

“Vogliamo affrontare la questione con lo spirito con cui si muove questa maggioranza – ha aggiunto l’Assessore regionale ai Trasporti, Luigi Bertschy – ovvero osservando i problemi, analizzandoli, cercando di avere dei documenti sui quali tracciare delle decisioni e dei programmi”. 

L’Assessore ha, quindi, spiegato come dati e informazioni siano già stati chiesti alla società di gestione. “Saranno ora oggetto di analisi per assumere delle decisioni. – ha proseguito l’Assessore –  Il Governo affronterà il tema, abbiamo l’assoluta necessità di garantire sicurezza, collegamenti internazionali e non di aumentare i volumi di traffico pesante”.

Il punto di partenza rimane, ha spiegato l’Assessore, la risoluzione approvata nel luglio del 2016 in Consiglio regionale.

“Lì c’erano già delle indicazioni molto precise. – ha concluso l’Assessore – Il tema è gestito dalla maggioranza con l’intenzione di non sottrarsi a nessuna responsabilità”.

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>