Politica

Regione, stop alla concessione di luoghi pubblici a chi “professa e pratica idee fasciste”

Aosta -A deciderlo il Consiglio regionale che ha approvato all’unanimità una mozione del consigliere Padovani che subordina la concessione di suolo pubblico, spazi e sale regionali ad una "dichiarazione esplicita di rispetto dei valori antifascisti".

Andrea Padovani

Non saranno concessi spazi di proprietà regionale, ma neanche di suolo pubblico, a coloro che “professano e praticano idee e comportamenti fascisti”. A deciderlo questa mattina il Consiglio regionale che ha approvato all’unanimità una mozione che prevede che i regolamenti di concessione del suolo pubblico, spazi e sale di proprietà della Regione ad associazioni, persone, movimenti e partiti politici siano subordinati ad una “dichiarazione esplicita di rispetto dei valori antifascisti sanciti dall'ordinamento repubblicano".

La mozione, presentata in aula dal consigliere del gruppo Mouv-Coalition Citoyenne Andrea Padovani sarà ora inviata a tutti i Comuni della Regione, invitati ad adeguare di conseguenza i propri regolamenti.

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>