Politica, Società

Regionali, oltre 100mila valdostani chiamati al voto. Il primo con lo “scrutinio centralizzato”

Aosta - Domani, domenica 20 maggio, 103 mila 117 gli elettori saranno chiamati alle urne per il rinnovo Consiglio regionale. I seggi resteranno aperti dalle 7 alle 22. Le operazioni di scrutinio centralizzato inizieranno lunedì 21 maggio, alle ore 8.

elezioni - Immagine di archivio

Domani, domenica 20 maggio 103 mila 117 gli elettori saranno chiamati alle urne per il rinnovo Consiglio regionale della Valle d’Aosta. Di questi 52 mila 751 sono femmine e 50 mila 366 maschi. Dati in lieve crescita rispetto alle scorse Regionali – nel 2013 – quand’erano 102 mila 633, 52 mila 474 dei quali femmine e 50 mila 159 maschi.

I seggi apriranno alle ore 7 e resteranno aperti fino alle ore 22. Le operazioni di scrutinio centralizzato inizieranno lunedì 21 maggio alle ore 8. Il voto si esprime tracciando un solo segno sul contrassegno di lista o nel rettangolo che lo contiene. Si possono esprimere fino a un massimo di tre preferenze, scrivendo il numero arabo corrispondente ai candidati o in alternativa il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti della lista prescelta. Non è previsto l’obbligo di indicare candidati di genere diverso.

Possono votare i cittadini, iscritti nelle liste elettorali dei Comuni della Regione, che abbiano compiuto o compiano il diciottesimo anno di età entro il giorno stabilito per l’elezione e che risiedano nel territorio della Regione da almeno un anno.

Per votare, è necessario un documento d’identità in corso di validità e la tessera elettorale personale. Chi l’avesse smarrita o mai ricevuta, può richiederla al Comune di residenza; gli uffici comunali resteranno aperti nei cinque giorni antecedenti le elezioni (dalle 9 alle 19) e, nel giorno della votazione, per tutta la durata delle operazioni di voto (dalle 7 alle 22), per il ritiro delle tessere elettorali non consegnate o dei duplicati delle tessere deteriorate, smarrite o rubate.

Lo scrutinio centralizzato
Le Elezioni regionali 2018 saranno le prime a “testare” la nuova modalità di scrutinio centralizzato. Le sedi dello spoglio individuate sono Saint-Pierrepolo dell’Alta Valle per i comuni appartenenti alle Unités des communes Valdigne-Mont-Blanc, Grand-Paradis e Grand-Combin, sarà allestito il Salone delle manifestazioni sotto la scuola dell’infanzia A Fénis, polo per la media Valle per le Unités Mont- Émilius e Mont-Cervin lo scrutinio si terrà nella palestra delle scuole in località Chez-Croset, a Verrès, il polo Bassa Valle (per i Comuni delle Unités Evançon, Mont-Rose e Walser) nel salone delle manifestazioni mentre ad Aosta il luogo scelto è la palestra della scuola Einaudi.

Qui, in modo aggregato, dopo il conteggio delle schede – già contate dai Presidenti delle sezioni elettorali e che verranno raggruppate in mazzette da 50 per essere inserite in una apposita busta antieffrazione – fatto negli Uffici di sezione dei 74 Comuni, avverrà lo scrutinio vero e proprio.

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>