Politica

MoVimento 5 Stelle: “Mai come quest’anno il mondo della scuola necessita di auguri sinceri”

Aosta - A scriverlo, in una nota di augurio per il nuovo anno scolastico, è il consigliere regionale Roberto Cognetta. Augurio che va anche ai dirigenti: "Affinché possano districarsi tra i deliri antivaccinisti da un lato e i deliri governativi dall'altro".

Roberto Cognetta

“Mai come quest'anno, il mondo della scuola necessita di auguri sinceri. Come M5S desideriamo fare gli auguri agli insegnanti, oppressi da folli regole e da riforme senza capo né coda. Mantenere la passione per il proprio mestiere, dopo i disastri annunciati dalla 'Buona Scuola' del Pd e dalle 'Adaptations' di tutti i cosiddetti autonomisti in Consiglio, da Alpe a Union Valdôtaine senza e con la P, è quasi un atto di eroismo”.

Così scrive in una nota Roberto Cognetta, consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle, che agli auguri per l'anno scolastico appena iniziato aggiunge qualche appunto polemico: “All'Assessore Certan – scrive il pentastellato – vanno un grandissimo augurio e una rassicurazione: i genitori che sceglieranno la scuola parentale, non lo faranno solo per l'obbligo sui vaccini, ma lo faranno soprattutto per l'assurdità dei provvedimenti approvati dal precedente Assessore e portati avanti così efficacemente da lei”.

Auguri che proseguono nei confronti dei dirigenti scolastici “poiché gravano su di loro grandi responsabilità, visto che i governi nazionali e regionali non sono in grado di prendere decisioni, sulle loro spalle incombe la facoltà di decidere se ammettere figli non vaccinati nella loro scuola”, ma anche ai cosiddetti 'novax', provax' e 'freevax': “State un po' più sereni tutti quanti: ringrazino gli uni di avere una sanità pubblica e una scienza che ha debellato terribili malattie e gli altri si rasserenino, perché riusciremo a evitare una pandemia globale anche senza proibire l'ingresso a scuola dei feroci bambini untori non vaccinati”.

Cognetta, infine, chiude con un pensiero per alunni e genitori, “affinché possano districarsi tra i deliri antivaccinisti da un lato, che li accusano di avvelenare i propri figli, e i deliri governativi dall'altro, che minacciano punizioni medievali per chi non si allinea alla legge. L'augurio che ci sentiamo di rivolgere loro è di poter scegliere ancora la scuola pubblica e di non arrendersi all'evidente incapacità delle istituzioni di valorizzare la cultura e la libertà di pensiero”.

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>