Politica

Gli sconfitti al Senato: flop di Alpe e Stella Alpina, sorridono comunque Lega e 5 Stelle

Aosta -Tra le fila dei perdenti c’è chi ha accusato di più il colpo, come la coalizione che sosteneva Luisa Trione, mentre a destra gongola la Lega. Il Movimento 5 Stelle non mette a segno la doppietta ma ottiene comunque un risultato clamoroso anche al Senato.

Sala stampa elezioni politiche 2018

Alle elezioni politiche, in Valle d’Aosta, vince soltanto il più votato e i piazzamenti non contano nulla. Ma nonostante non gli sia riuscita la doppietta – la collega Elisa Tripodi è stata eletta alla CameraLuciano Mossa, candidato dei grillini, si è comunque difeso con i denti finendo sì dietro al riconfermato Albert Lanièce, ma davanti ad avversari sulla carta molto più quotati di lui. Per il candidato del Movimento 5 Stelle, infatti, a fine nottata le schede buone sono state 14.398 per una percentuale che si attesta al 23,25%. “Avevamo un budget ridottissimo per la campagna elettorale – ha raccontato ai nostri microfoni – raccolto grazie alla generosità dei cittadini. Questo risultato è per loro”.

Sconfitta pesante per Luisa Trione che conclude la corsa molto distante dal senatore Lanièce, con 9659 voti (15,59%). In sala stampa la rappresentante di Alpe e Stella Alpina è apparsa alle tre di mattina, così come anche i segretari degli stessi partiti. “E’ una sconfitta pesante sulla quale riflettere – ha dichiarato – evidentemente il nostro messaggio non è passato”.

Pur senza piazzare la zampata vincente, la Lega valdostana può essere senza dubbio soddisfatta del risultato ottenuto dal candidato Paolo Sammaritani che quintuplica il consenso fatto registrare 5 anni fa da Nicoletta Spelgatti, raggiungendo il 17,77% (11004 Voti). “Per noi è un ottimo risultato – spiega – non possiamo che essere soddisfatti”.

 

Sorride amaro invece Orlando Navarra, candidato del Centrodestra, nonostante i 5223 voti messi in saccoccia (8,43%) “Cinque anni fa non ci siamo presentati e quindi non possiamo lamentarci – ha dichiarato ai nostri microfoni – ma un po’ di rammarico rimane: ci fossimo alleati con le altre forze di destra avremmo eletto sia un senatore che un deputato. Peccato”.

A sinistra Potere al Popolo e Risposta Civica si sono collocati entrambi intorno al 3%, con una leggera prevalenza di Fabio Protasoni che ha totalizzato 1911 voti (3,09%) contro i 1688 di Alexandre Glarey (2,73%).

Casapound triplica i voti incassati nel 2013, quando al Senato Andrea Ladu portò a casa 443 voti (0,61%), grazie alle 1207 preferenze incassate da Sonny Perino (1,95%).

Il Partito Valore Umano, vera novità di questa tornata elettorale, non riesce ad evitare non finire l’ultimo posto in “classifica”, chiudendo la competizione elettorale con 890 preferenze (1,44%). Secondo Annita Prezzavento, “è stato già incredibile esserci”.

Massimiliano Riccio

39 anni, giornalista professionista: oltre a brontolare continuamente, in redazione mi occupo di tutto un po’, dalla politica allo sport, con un occhio di riguardo per la fotografia e i video. Sono appassionato di tecnologia, musica, grigliate e basket americano.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>