Politica

Eliski, due deputati del Pd chiedono il divieto su tutto l’arco alpino

Aosta - La richiesta di Ermete Realacci e Enrico Borghi è contenuta in una interrogazione scritta del 14 dicembre scorso ai ministri dei Trasporti, dell'Interno e dell'Ambiente. 

Heliski a Cervinia

"Estendere il divieto di eliski, ad eccezione delle aviosuperfici autorizzate, in tutto l'arco alpino, a tutela dell'ambiente e della sicurezza delle persone". E' quanto chiedono i deputati del Pd Ermete Realacci e Enrico Borghi con una interrogazione scritta del 14 dicembre scorso ai ministri dei Trasporti, dell'Interno e dell'Ambiente. 

Nell'iniziativa i due parlamentari ricordano come l'Eliski sia una pratica "vietata e limitata in un tutti i Paesi alpini, ad eccezione dell'Italia, perché ritenuta «rischiosa» e «non adatta alle Alpi per ragioni ambientali» dalla Commissione internazionale per la protezione delle Alpi". Del nostro paese i due deputati portano l'esempio del comune di Balme in provincia di Torino che "ha scelto di essere il paese dove vivere esperienze di frequentazione della montagna dolce e silenziosa" impegnandosi, quindi, con una delibera votata dal consiglio comunale, "a non autorizzare sul suo territorio la pratica dell’eliski e l'utilizzo – sia d'inverno che d'estate – di altri mezzi motorizzati come quad, moto, fuoristrada e motoslitte".

Sulla propria pagina Facebook Realacci ricorda inoltre come "L’eliski è pericoloso sia per le montagne, che per l’uomo e l’ambiente: crea il rischio del possibile distacco di valanghe causato dai rotori o dall'azione degli sciatori che, peraltro, non testano la compattezza della neve durante la salita ignorando così le condizioni dei pendii che si accingono a percorrere. L’eliski genera poi un forte inquinamento acustico dovuto al volo a bassa quota, al decollo e all'atterraggio che disturba la fauna alpina in un periodo dell’anno in cui diverse specie sono già messe a dura prova dai rigori del clima".

Tag:

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>