Politica
Ultima modifica: 19 giugno 2018 alle ore 20:58

Elezioni Europee, UV e Stella Alpina non presenteranno nessun candidato

Aosta - “Un tempo Alpe e Pd si erano detti d’accordo a dialogare, ma oggi nessuna intesa stata è possibile per un progetto comune sull’Europa. Questo perché a loro, di fatto, non interessa”. Saltata all'ultimo anche l'intesa con il gruppo di Lorenzo Dellai.

Conseil Fédéral a Quart

Union Valdôtaine e Stella Alpina non presenteranno nessun candidato alle prossime elezioni europee. Lo ha annunciato questa sera il Presidente del Leone Rampante, Ennio Pastoret, durante la riunione del Conseil Fédéral, convocato all’Auditorium di Quart. “Il 7 aprile scade il termine per la deposizione del simbolo, ma noi non presenteremo il nostro nella circoscrizione Nord-Ovest né faremo parte di un listino apparentato”, ha spiegato Pastoret alla platea, che ha poi ratificato la decisione all’unanimità.

Dal 1979 ad oggi nelle liste per elezioni europee c’è sempre stato, in un modo o nell’altro, un simbolo che rappresentasse la Valle d’Aosta: purtroppo questa volta non è stato possibile e credo che neanche le altre forze ci riusciranno”, ha continuato Pastoret prima di distribuire le colpe.

“Un tempo Alpe e Pd si erano detti d’accordo a dialogare, ma oggi nessuna intesa stata è possibile per un progetto comune sull’Europa. Questo perché a loro, di fatto, non interessa”. Le alternative, comunque, non mancavano. “La Lega Nord ci ha offerto una possibilità di apparentamento – ha svelato il Presidente UV – ma con Stella Alpina abbiamo deciso di rifiutare, visto la loro spiccata tendenza antieuropeista”. Un’altra ipotesi, molto più concreta, invece, pare che sia sfumata proprio all’ultimo. “Abbiamo guardato con interesse ad una formazione mista con Lorenzo Dellai, Presidente del gruppo parlamentare Per l’Italia – ha raccontato il Senatore Albert Lanièce, anch’egli presente al tavolo del Conseil – che sarebbe stato supportato da un gruppo di realtà locali vicine alle nostre sensibilità: mercoledì sembrava cosa fatta, purtroppo invece è saltato tutto”.

E quindi, cosa succederà ora? “L’ultima possibilità che ci resta – ha spiegato laconicamente Pastoret – è di considerare l’appoggio ad una candidatura condivisa con altre forze politiche del Nord-Ovest”. 

Massimiliano Riccio

39 anni, giornalista professionista: oltre a brontolare continuamente, in redazione mi occupo di tutto un po’, dalla politica allo sport, con un occhio di riguardo per la fotografia e i video. Sono appassionato di tecnologia, musica, grigliate e basket americano.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>