Politica

Cva, Alpe torna a chiedere di stoppare la quotazione in borsa

Aosta - Per i Consiglieri del gruppo Alpe "questa scelta, fatta da tempo e tenuta volutamente nascosta, è il frutto di una decisione assunta in solitaria dal Presidente della Regione. Siamo stupiti, e anche un po' inquieti, del silenzio della maggioranza".

Albert Chatrian

Dopo Elso Gerandin anche il gruppo Alpe ribadisce che "non esiste nessun obbligo per il colosso Cva di proprietà di tutti i valdostani, di intraprendere il percorso di quotazione in borsa". 

Per i Consiglieri del gruppo Alpe "questa scelta, fatta da tempo e tenuta volutamente nascosta, è il frutto di una decisione assunta in solitaria dal Presidente della Regione. Siamo stupiti, e anche un po' inquieti, del silenzio della maggioranza".

Il gruppo ALPE chiede quindi che "la decisione di quotare in borsa la Cva sia rinviata e che sia oggetto di un'attenta valutazione, dal momento in cui non si tratta di un obbligo bensì di una scelta politica precisa. La sentenza della Corte costituzionale sulla legge Madia – concludono i Consiglieri – avrà delle ricadute sulle partecipate dei Comuni, aprendo scenari diversi da quelli prospettati: noi riteniamo, da convinti autonomisti quali siamo, che la Valle d'Aosta non possa rimanere al traino di altre Regioni, come il Veneto che ha promosso il ricorso alla Corte costituzionale, ma debba assumersi la responsabilità di difendere la propria specialità e le prerogative dei propri Comuni."

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>