Politica

Crisi in Regione, dietro l’angolo un nuovo stallo

Aosta - Uvp chiede le dimissioni di Marquis, Alpe: "Presentate una mozione di sfiducia".

La giunta Marquis

E’ tornata sugli schermi del Consiglio regionale la pellicola “Stallo Alpino”. L’atto terzo annunciato nelle scorse settimane si è aperto con l’annuncio di Uvp di sfiduciare il governo Marquis che lo stesso gruppo aveva contribuito a formare nel marzo scorso. Come nel migliore dei sequel il copione si ripete con leggere modifiche.

“C’è una semplice regola politica: se non si ha la maggioranza ci si dimette”  ricorda Nello Fabbri di Uvp invitando il Presidente della Regione al passo indietro.
“Sapete qual è la soluzione? Una mozione di sfiducia costruttiva, dopo di che noi torneremo a fare opposizione e poi saranno i valdostani a decidere” gli risponde Patrizia Morelli di Alpe.
Mozione di sfiducia che anticipa Roberto Cognetta del M5S non arriverà “forse perché le caselle da riempire non sono ancora stabilite e all’interno dell’Uv ci sono delle resistenze per capire chi farà il presidente della Giunta”. Riprende in mano il regolamento del consiglio, il consigliere Uv, Aurelio Marguerettaz: “Tutto è normato, non c’’è nessun vuoto amministrativo, se lei si dimette tutto procede normalmente”. Mette in campo l'opzione elezioni Elso Gerandin di Mouv: "La mia sarà la 18esima firma". 

Dalle soluzioni ai perché della crisi. Jean-Pierre Guichardaz del Pd: “Stavate insieme per un accordo spartitorio, con persone che non si sono mai rispettate e fin dall’inizio hanno dimostrato di non aver considerazione gli uni per gli altri”. E Mauro Baccega dell’Epav “Mancanza di coesione, idee e programmazione fra le forze politiche”. Alessandro Nogara di Uvp conferma le dichiarazioni di ieri: “Non facciamo giochini o capricci. In questa maggioranza c’è l’assenza di un progetto politico che dia le linee per approvare un bilancio credibile e non tacconato”.

Diversa la lettura di Claudio Restano: “Non credo che questa maggioranza sia in crisi, questa maggioranza ha lavorato in una situazione difficile producendo dei risultati”. Stefano Borrello di Stella Alpina: "Se siamo qui ancora a discutere forse la politica non è arrivata ad attivare i tavoli giusti". Per Patrizia Morelli le ragioni di Uvp sono “dei pretesti, degli alibi” e il vero motivo è la nuova legge elettorale “Si sono fatti due conti e si sono accorti che si rischiava di non arrivare al 42%, ecco perché il lancio del grande progetto del rassemblement”.

E a proposito di film ognuno ha la sua opinione, per Claudio Restano il genere è “comico”, per Jean-Pierre Guichardaz “un Frankenstein politico”, per Patrizia Morelli “l’ultimo atto di una politica trasformista”  mentre per Mauro Baccega è “una guerra dei nervi”

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>