Politica

Aumenti autostrada, l’Assessore Bertschy incontra la deputata Tripodi

Aosta -L'incontro è stata "l’occasione per rimarcare il disappunto per il recente aumento del 6% sul tratto autostradale Aosta-Courmayeur gestito dalla Rav".

L'Assessore Bertschy e la deputata TripodiL'Assessore Bertschy e la deputata Tripodi

Dopo gli appelli del Presidente della Regione Fosson al Ministro grillino Toninelli, per scongiurare nuovi aumenti sulle autostrade valdostane – rimasti in parte inascoltati – a muoversi è l’Assessore ai trasporti.

Luigi Bertschy ha incontrato questa mattina la deputata valdostana del M5S Elisa Tripodi. La riunione, come spiega una nota, è stata “l’occasione per rimarcare il disappunto per il recente aumento del 6% sul tratto autostradale Aosta-Courmayeur gestito dalla Rav” e per chiedere di  portare le istanze valdostane “al tavolo del Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli, al fine di aprire un confronto che porti a cambiare in maniera strutturale e radicale l’impatto che i costi dei pedaggi autostradali hanno sulla sicurezza e sullo sviluppo della nostra regione”.

Al centro del confronto, oltre ai pedaggi autostradali, anche l’ammodernamento della ferrovia. 

“La Valle d’Aosta deve saper presentare e sostenere idee e progetti per raggiungere entrambi gli obiettivi –  sottolinea  l’Assessore Luigi Bertschy – . Una collaborazione tra Governo regionale e nazionale si rende, quindi, indispensabile nell’ottica di un miglioramento dei servizi ai cittadini”.

Per la deputata Tripodi: “E’ tuttavia necessario rimarcare la necessità di tavoli di lavoro in ambito di politica regionale in questo settore, affinché tutte gli attori in gioco, a livello regionale e nazionale, si assumano le proprie responsabilità e, collaborando a progetti condivisi, si possano raggiungere gli obiettivi prefissati.”

Il confronto fra l’Assessore Bertschy e la deputata Tripodi proseguirà anche sul tema del Reddito di cittadinanza, per quanto riguarda gli sviluppi che questa nuova provvidenza avrà in Valle d’Aosta.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>