Politica

Aosta, stralciata dal Consiglio una mozione sulla Massoneria. M5s: “Smacco dalle Istituzioni”

Aosta - Il gruppo consiliare aostano del MoVimento 5 Stelle si è visto bocciare un’iniziativa da portare al prossimo Consiglio comunale del Capoluogo che chiedeva ai consiglieri di dichiarare la propria appartenenza o meno ad associazioni massoniche.

Patrizia Pradelli e Luca Lotto

Il gruppo consiliare aostano del MoVimento 5 Stelle si vede bocciare un’iniziativa da portare al prossimo Consiglio comunale del Capoluogo, i cui lavori sono previsti per mercoledì e giovedì prossimi, e risponde a tono al Presidente Monteleone.

“Il MoVimento 5 Stelle – scrivono in una nota Patrizia Pradelli e Luca Lotto –  ha presentato martedì 13 febbraio una mozione con la quale si chiedeva a tutti i componenti del Consiglio Comunale di Aosta di dichiarare o meno la loro appartenenza ad Associazioni Massoniche. La mozione non è stata ammessa al dibattito in aula dal Presidente del Consiglio Michele Monteleone. La motivazione addotta dal Presidente Monteleone è stata : ‘è un fatto privato, una questione interna nostra’. Al Presidente Monteleone occorre ricordare che esiste una Legge (L. n.17/1982) sul divieto di costituzione di associazione segrete, che oggi, con la censura della nostra mozione si palesa un ulteriore ‘Smacco’ proveniente dalle  Istituzioni che dovrebbero garantire trasparenza e informazione sugli eletti ai loro cittadini promuovendo l'applicazione della Legge”.

I consiglieri aggiungono: “Considerato che la Massoneria ufficialmente non è un'associazione segreta ma di fatto scopi e finalità della medesima sono spesso completamente sconosciute alla quasi totalità degli italiani, questo non depone certo in favore della trasparenza e dell'informazione, anzi alimenta nell'immaginario collettivo  immagini di riti iniziatici e misteriosi”.

“Se non c'è nulla da nascondere – chiudono Pradelli e Lotto – perché respingere la mozione senza nemmeno discuterla in aula? Rimane quindi la domanda: ci sono o non ci sono Massoni all'interno del Consiglio Comunale della città di Aosta?”.

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>