Politica

Aosta, assegnato l’alloggio dell’ex custode dello Stadio Puchoz

Aosta -L'assessore Marzi: "Operazione che con il passare del tempo ci sta premiando, questa assegnazione ci vede introitare un canone di affitto di 550 euro".

Municipio di Aosta

Il Comune di Aosta ha assegnato, a seguito di procedure e verifiche, l’immobile sito in Piazza Mazzini, angolo via Garibaldi, all’interno dello Stadio Puchoz – parte del patrimonio comunale – adibito un tempo ad abitazione del custode della struttura.

“L’Amministrazione comunale ha dato corso quest’anno alla valorizzazione di alcuni locali tramite il coinvolgimento del mondo privato – spiega l’Assessore al Patrimonio Carlo Marzi –, operazione che con il passare del tempo ci sta premiando. A seguito di approfondimenti abbiamo chiuso in questi giorni la procedura di assegnazione dell’immobile sito in Piazza Mazzini, detto anche 'Ex alloggio del custode dello Stadio Puchoz'. L’attuale assegnazione, ci vede introitare quale canone di affitto 550 euro rispetto ai 512 euro della prima assegnazione, poi annullata a seguito di verifiche, con la relativa ristrutturazione dei locali a carico dell’assegnatario. Questa attenta azione, che punta a valorizzare parte del nostro patrimonio, si sta declinando sia in azioni come quelle evidenziate sia in operazioni di alienazione di nostri beni che consentono di ricevere soldi freschi e che permettono a privati di ridare vita ad angoli importanti della città come avvenuto ad esempio col Rudere di via Malherbes.”

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>