Economia e lavoro

Valdex si regala per il primo anno di attività un accordo con Cna e Confartigianato

Aosta -Compie un anno il circuito di credito complementare che ad oggi può contare su 55 soggetti iscritti, 26 conti personali, 500mila Valdex di beni e servizi disponibili, 125mila Valdex di beni e servizi scambiati e 420 transazioni effettuate.

Valdex Da sx Massimo Pesando, Mauro Salmin e Francesco Yoccoz

50 soggetti iscritti, 26 conti personali, 500mila Valdex di beni e servizi disponibili, 125mila Valdex di beni e servizi scambiati e 420 transazioni effettuate. Sono i numeri del primo anno di attività in Valle d’Aosta del circuito di credito complementare. Una realtà che punta a crescere ancora attraverso due accordi, siglati oggi, con Cna e Confartigianato.

“Due accordi estremamente importanti per il territorio valdostano – sottolinea l’amministrazione delegato di Valdex, Francesco Yoccoz – e che offrono nuove opportunità alle imprese artigiane”.

L’accordo prevede tra l'altro uno sconto del 10% sulla quota associativa al circuito (la quota base ammonta a 400 euro) oltre alla possibilità di pagare una parte della quota stessa in crediti Valdex.

“Il circuito è formato da un gruppo di imprese del territorio che vogliono confrontarsi per crescere insieme – prosegue Yoccoz  – fare comunità ma anche autosostenersi riportando sul territorio quelle spese che spesso invece escono dai territori”.

L’obiettivo di Valdex è quello, quindi, di “costruire una comunità di persone e imprese che sono capaci di fare rete e creare opportunità”.

Il funzionamento del circuito complementare Valdex è semplice: le aziende che si iscrivono possono reciprocamente acquistare e vendere beni e servizi, restando all’interno del sistema, ed equilibrando – con un sistema di compensazione crediti/debiti – sia le proprie entrate che le uscite.

Valdex, di fatto, si configura come un mercato 'complementare' a quello in euro, aggiuntivo, che funziona tra aziende attraverso uno scambio mutuale di crediti e di servizi.

L’euro continua a esser utilizzato dalle imprese per le spese obbligatorie: gli stipendi dei dipendenti, l’irpef e altre imposte.

“Siamo convinti che l’unione fa la forza – sottolinea Mauro Salmin, vice presidente di Confartigianato – perché in questo momento di contrazione economica e sociale il fatto di lavorare in sinergia insieme con chi è del settore dà la possibilità di avere risultati vincenti”.

“Le imprese  – aggiunge Massimo Pesando di Cna – potranno utilizzare questo strumento per spendere sul posto e far crescere quindi il Pil valdostano”.

Tag:

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>