Economia e lavoro

Sindacati dicono “No” al trasferimento di 177 impiegati e operai forestali nella Salvaprecari

Aosta - La decisione contenuta nel Defr. Si tratta di 82 impiegati forestali, 70 operai forestali e 15 esperti formatori dell'ex Agenzia del lavoro. Sindacati hanno chiesto incontro urgente agli Assessori.

Manifestazioni forestali

"Ancora una volta il Governo regionale, senza nessun confronto preventivo con i Sindacati ha deciso autonomamente quale strada seguire per ricollocare, in questo caso, 177 operai ed impiegati regionali a tempo indeterminato,  in altro contesto lavorativo, contrattuale e datoriale". Così in una nota i sindacati intervengono sulla decisione, contenuta nel Defr, di far passare 177 persone – 82 impiegati forestali, 70 operai forestali e 15 esperti formatori dell'ex Agenzia del lavoro – assunte a tempo indeterminato ma con contratti di natura privatistica sotto la SalvaPrecari. 

I sindacati si dicono contrari alla proposta e ribadiscono "la necessità improrogabile di un rilancio dei settori regionali  agricolo, forestale ed edile,fortemente penalizzati e mortificati dalle scelte pubbliche fatte a partire dal 2010/11, che hanno di fatto comportato finora la perdita di oltre 500 posti di lavoro e creato ulteriori sofferenze sociali e nuova povertà a famiglie che già erano in grossa difficoltà economica".

Cgil, Cisl, Uil e Savt accendono poi i riflettori sotto la società regionale dei servizi: "nata per  gestire alcune figure di personale pubblico regionale a tempo determinato non più assorbibili dall'Amministrazione regionale, si sta trasformando in un contenitore “pigliatutto”, che assume  il personale con modalità economiche al ribasso e sostituisce  con contratti “impropri” quelli corretti di categoria di provenienza dei lavoratori". 

I sindacati, che hanno chiesto un incontro urgente con l'Assessore all'Agricoltura, Testolin e alle Opere pubbliche, Baccega, si dicono infine pronti a difendere la contrattazione decentrata collettiva in essere e per tutelare i diritti legittimi acquisiti.

“La volontà dell’Amministrazione regionale di far confluire il personale forestale regionale a tempo indeterminato nella Società di Servizi  è stata una doccia gelata che si commenta da sola; l’ultima sciagurata mossa politica di una lunga serie iniziata nel 2010, che ha spazzato via un importantissimo settore socio-economico valdostano, nonché strategico per la salvaguardia ambientale della Valle d’Aosta" sottolinea il segretario del Savt/Forestali Dimitri Démé: "Come sempre, lotteremo strenuamente per far rispettare i diritti dei lavoratori, con tutte le nostre forze e con azioni legali mirate alla salvaguardia del loro futuro professionale”.

39 anni, giornalista professionista e mamma di tre pesti. Appassionatamente curiosa. Adoro cucinare ma anche mangiare. Quando non sono in redazione mi trovate in montagna oppure su un divano con il mio inseparabile ebook reader.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>