Economia e lavoro

Referendum Cogne Acciai Speciali, l’88,83% ha detto sì al Contratto integrativo

Aosta -I sindacati: "L’esito della consultazione è stato chiaro su 806 lavoratori presenti in azienda hanno votato in 672, col seguente risultato: Sì 597 (88,83%), No 66 (9,82%), Bianche 7 (1,04%), Nulle 2 (0,29%)”.

Cogne Acciai Speciali

“I lavoratori della Cogne Acciai Speciali hanno dato il via libera a larga maggioranza al Contratto integrativo con decorrenza 1°luglio 2017 / 30 giugno 2020. L’esito del referendum è stato chiaro su 806 lavoratori presenti in azienda – su 1020 – hanno votato in 672, col seguente risultato: Sì 597 (88,83%), No 66 (9,82%), Bianche 7 (1,04%), Nulle 2 (0,29%)”.

A rendere noti i risultati della consultazione referendaria una nota congiunta delle Segreterie di Fim-Cisl, Fiom, Uilm e Savt Met secondo le quali il voto permette un rinnovo del contratto non semplice che permetterà, tra gli altri, un Premio di Risultato annuale per i dipendenti, un miglioramento nella parte normativa come l'estensione ai figli dei dipendenti in minor età dei permessi per le visite mediche; un diverso e più vantaggioso conteggio degli orari rispetto al contratto nazionale, per gli impiegati e per chi non effettua turni.

“Sulle esigenze di flessibilità della Cogne Acciai Speciali – scrivono ancora le parti sociali – il confronto è stato particolarmente forte, il risultato è stato aver contrattato fin dalla prima ora di straordinario collettivo o altro tipo di flessibilità, con importi più forti rispetto a quanto previsto dal contratto nazionale. Sulla stabilizzazione del personale precario, pari a quasi 100 lavoratori, sono stati fatti importanti passi avanti, dopo gli impedimenti che non avevano consentito alla Cogne un’applicazione coerente di quanto previsto dal precedente integrativo”.

 

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>