Economia e lavoro

Presentato in Svizzera il primo treno bimodale, sarà attivo sulla Aosta-Torino nel 2018

Aosta - Il treno entrerà in funzione al termine del procedimento di omologazione. Alla presentazione hanno preso parte il Presidente della Regione Pierluigi Marquis, l'assessore regionale ai Trasporti Claudio Restano.

La presentazione del treno bimodale in Svizzera

È stato presentato oggi, giovedì 15 giugno, presso lo stabilimento Stadler di Bussnang-Erlen, nei pressi di Zurigo, il primo treno bimodale diesel/elettrico 'Flirt' che, nel 2018, percorrerà la tratta Aosta-Torino ovviando alla cosiddetta 'rottura di carico' ad Ivrea.

Il treno entrerà in funzione al termine del procedimento di omologazione. Alla presentazione hanno preso parte il Presidente della Regione Pierluigi Marquis, l'assessore regionale ai Trasporti Claudio Restano assieme agli ex assessori – e membri della IV Commissione – Aurelio Marguerettaz e Luca Bianchi.

“Si tratta di una tappa importante – ha spiegato il Presidente Marquis – che va inquadrata nel percorso tracciato di recente dalla legge n. 22 del 2016, approvata all’unanimità dal Consiglio Valle, in un ottica di miglioramento dell’accessibilità e della competitività della Valle".

L'augurio di Restano, invece, è che “Questo treno bimodale possa essere al più presto omologato, consegnato alla Regione, e messo in esercizio in via definitiva nel corso del 2018, a favore dei valdostani e dei turisti. Sarà un risultato collegato agli interventi infrastrutturali intesi a velocizzare e ammodernare la linea”.

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>