Economia e lavoro

Il Cornalin Terroir di Rosset incanta gli appassionati di New York

Aosta - Grande interesse ha suscitato, in particolare, il Cornalin Rosset Terroir, tra i più gettonati tra le quasi 2000 persone che hanno voluto celebrare la grande festa del vino italiano

Da sinistra: Alberto Levi, Jacopo di Teodoro, Angelo Sarica, Matteo Moretto.

I vini valdostani sbarcano nella Grande Mela e conquistano il pubblico di appassionati che, giovedì 9 febbraio scorso, hanno deciso di assistere, al Metropolitan Pavilion di New York, alla premiazione del "Tre bicchieri Gambero Rosso tour" dove alcune etichette della Valle d'Aosta hanno fatto da protagoniste. 

Grande interesse ha suscitato, in particolare, il Cornalin Rosset Terroir, tra i più gettonati tra le quasi 2000 persone che hanno voluto celebrare la grande festa del vino italiano. Il vino di Maison Rosset, è riuscito ad attirare l'attenzione nonostante i numeri della manifestazioni a cui hanno partecipato 203 produttivi con oltre 400 vini. 

"È un grande momento per il vino italiano e per la produzione autoctona – dichiara in una nota Angelo Sarica, responsabile marketing di Maison Rosset – la strada  verso la produzione locale autoctona è certamente quella giusta".

Ho 44 anni e sono giornalista professionista. Nonostante la laurea in Scienze della Comunicazione, ho trovato lavoro fondando, insieme ad altri, questo quotidiano online. Grazie alla mia proverbiale saggezza in redazione mi chiamano “mental coach”, mentre per gli amici sono “la nonna”. Nel tempo libero mi piace leggere, viaggiare, camminare e stare con gli amici.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>