Economia e lavoro

Fondi Ue: la Valle d’Aosta, unica regione in Italia, perde 3 mln

Aosta -Al 31 dicembre 2018 la Valle d’Aosta non è riuscita a spendere e, di conseguenza a certificare all’Ue, gli 8.135.000 sul FSE previsti nell’obiettivo fissato. Mancano all’appello 1,4 milioni di euro di soli fondi europei. Tutte le altre regioni ce la fanno.

Lo scenario che a settembre scorso era molto probabile ora è diventato una certezza: al 31 dicembre 2018 la Valle d’Aosta non è riuscita a spendere e, di conseguenza a certificare all’Ue, gli 8.135.000 sul Fondo sociale europeo previsti nell’obiettivo fissato. Mancano all’appello 1,4 milioni di euro di soli fondi europei che salgono a quasi 3 milioni se si conta anche il cofinanziamento statale e regionale.

La conseguenza, sicuramente triste, è inevitabile: la Valle d’Aosta perderà 2,7 milioni di euro  per la formazione professionale e il lavoro a causa del disimpegno delle risorse che avviene in questi situazioni.

Si tratta di una sonora bocciatura in base al meccanismo, complicato ma comprensibile, per cui l’Ue fissa un obiettivo di spesa, un numero di azioni e di risultati da raggiungere entro un certo tempo. Alle regioni, come la Valle d’Aosta, che non ci riescono l’Unione europea di fatto abbassa l’obiettivo sottraendo le risorse.

I motivi alla base sono tanti (ne abbiamo scritto ampiamente qui) e hanno radici antiche: una programmazione delle azioni da fare non eccelsa, l’instabilità politica che ha caratterizzato la Valle d’Aosta con il conseguente eccessivo turn over dei dirigenti, il sistema informatico Sispreg2014 per anni non funzionante e ancora carenze professionali, sovrapposizioni di misure, una generale disorganizzazione.

La situazione è ancora più mortificante se raffrontata con il resto d’Italia: la Valle d’Aosta è l’unica regione in Italia a mancare l’obiettivo e le regioni meridionali come Sicilia, Campania, Calabria, Puglia e Basilicata per anni dipinte come incapaci a spendere, fanno meglio e con uno sprint a fine anno portano a casa il risultato.

Di fatto dei 51 Programmi Operativi in campo, solo 3 non hanno raggiunto gli obiettivi di spesa: oltre al Piano Operativo Regionale (POR) della Valle, rimangono indietro il PON Ricerca e Innovazione cofinanziato dal FESR – per un importo di 45 milioni di euro-  che ha presentato richiesta di eccezione al disimpegno per la presenza di ricorsi giudiziari e il PON Inclusione, cofinanziato dal FSE, che non ha certificato spese sufficienti (e chiederà l’eccezione al disimpegno per cause di forza maggiore) per un importo di 24,6 milioni di euro.

Ho 44 anni e sono giornalista professionista. Nonostante la laurea in Scienze della Comunicazione, ho trovato lavoro fondando, insieme ad altri, questo quotidiano online. Grazie alla mia proverbiale saggezza in redazione mi chiamano “mental coach”, mentre per gli amici sono “la nonna”. Nel tempo libero mi piace leggere, viaggiare, camminare e stare con gli amici.

Un commento su “Fondi Ue: la Valle d’Aosta, unica regione in Italia, perde 3 mln”

  • ognuno ha il governo che si merita d’altronde. Ognuno per se e nessun senso del bene comune, carriera politica personale contro progettualità politica di visione di insieme, visione critica di quale modello di sviluppo perseguire… Non ci si pone nemmeno il problema e poi è chiaro che le tegole cascano in testa.
    Prima ancora di aver perso dei soldi abbiamo perso la capacità di avere una direzione, un senso, un insieme di obiettivi concreti facenti parte di un progetto.
    Quando ero giovane ero fiero di essere Valdostano, percepivo la grande lezione di civiltà che i nostri padri ci avevano donato con la dimensione umana del villaggio di montagna e la sua autogestione in democrazia diretta, una sorta di patrimonio di valori, di dignità, di etica dentro la quale stare, oggi mi ” vergogno di essere valdostano … Gino Chabod

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>