Economia e lavoro

Ebo Lebo Gran Riserva, presentato l’amaro “raffinato” con zafferano e génépy

Presentato ieri in conferenza stampa, c’è un “nuovo arrivato” tra la gamma di prodotti Ottoz, più fine e raffinato rispetto al classico e storico amaro, arricchito nella ricetta originale con l’aggiunta di infuso di génépy e zafferano valdostani.

La presentazione dell'Ebo Lebo Gran Riserva

Presentato ieri – mercoledì 6 giugno – in conferenza stampa, c’è un “nuovo arrivato” tra la gamma di prodotti Ottoz. È l’Ebo Lebo Gran Riserva, più fine e raffinato rispetto al classico e storico amaro, arricchito nella ricetta originale con l’aggiunta di infuso di génépy e zafferano coltivati e prodotti interamente in Valle d’Aosta, che gli conferiscono eccezionali caratteristiche toniche e digestive senza sacrificare il suo gusto pieno e al suo aroma inconfondibile.

Nel mezzo, tantissima Valle d’Aosta, dalle 40 erbe che compongono il “Gran Riserva”, allo zafferano – della nota varietà “dell’Aquila” – ed il génépy coltivati in Valle d’Aosta, a 800 metri d’altitudine, sui terreni dell’azienda agricola Rosset.

Il nuovo prodotto va quindi ad ampliare la gamma del famoso amaro che ha conquistato sia il mercato nazionale sia quello internazionale – la cui ricetta si è aggiudicata nel 2017 una medaglia d’Argento al Concours Mondial de Bruxelles, una Medaglia d’Argento al IWSC di Londra e l’importante riconoscimento “Award Oro” del Merano Wine Hunter – e che ancora oggi sta riscontrando grande successo negli Stati Uniti grazie al gruppo d’importazione capitanato da Joe Bastianich.

Nel 2005 il marchio Ottoz entra ufficialmente a far parte della grande famiglia delle Distillerie St.Roch con sede a Quart dove, in una realtà da sempre attenta all’innovazione e al legame con il territorio, lavora ininterrottamente un pregiato alambicco discontinuo, controllato tecnologicamente, insieme a macchinari per l’imbottigliamento di ultima generazione.

Classe 1981, giornalista pubblicista. Ho studiato all’Università di Bologna ma non abbastanza.
Scrivo quello che c’è da scrivere, in genere di politica. Amo David Foster Wallace e indosso sempre gli occhiali da sole.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>