Economia e lavoro

Casinò, la De Vere rilancia: “pronti a un’offerta per rilevarlo”

Aosta - A scriverlo è la stessa società in una nota nella quale si dice pronta “a fare un’offerta concreta per rilevare la gestione dell’intero blocco Casinò più Hotel” e contraria, sui licenziamenti, “a questa macelleria sociale, che mette in strada 275 famiglie”.

Il Casinò di Saint-Vincent

La De Vere Concept, azienda fornitrice della Casa da gioco di Saint-Vincent, si dice pronta “a fare un’offerta concreta per rilevare la gestione dell’intero blocco Casinò più Hotel”. A scriverlo è la stessa società in una nota, nella quale – a proposito dei licenziamenti annunciati – si dice contraria “a questa macelleria sociale, che mette in strada 275 famiglie”.

Ma non solo: “Certamente la cura semplicistica della proposta dal nuovo amministratore unico – scrive ancora De Vere –, con l’aiuto di una politica che in sfregio di tutte quelle famiglie che avevano riposto nel Casinò il proprio futuro, rischia di essere una via che depaupera il valore economico e sociale di una azienda che negli anni è stata il simbolo della Valle D’Aosta”.

Una soluzione che non risolve

“Diminuendo così drasticamente la forza lavoro – si legge nella nota –, chi garantirà il servizio all’interno della Casa da Gioco? Le ricette sono ben altre da portare avanti, certamente non il licenziamento in blocco di una fetta così importante di forza produttiva”. Ricordiamo che, noi, essendo creditori nei confronti del Casinò, abbiamo una voce in capitolo non indifferente nell’omologazione del concordato, e faremo di tutto nelle sedi opportune per portare avanti le nostre ragioni”.

Il problema, per De Vere, è l’utilizzo sbagliato dei fondi: “In una situazione talmente delicata, si sono trovate le risorse per tutti questi consulenti, quando in verità potevano essere impiegate per portare avanti il piano industriale già redatto con risorse interne che sicuramente avevano competenza e professionalità”.

La proposta di assunzione

“Per quanto riguarda i lavoratori a tempo determinato, siamo disposti Noi ad assumerli – afferma De Vere – se ci daranno modo di sviluppare il nostro piano industriale che, ripetiamo, salvaguarderebbe tutti i lavoratori, mettendo al centro la località di Saint-Vincent in un più ampio panorama internazionale”.

L’appello alla nuova Giunta

“Ad oggi nessuno ci ha convocato anche se abbiamo un regolare contratto con la Casa da Gioco – chiude il comunicato –, speriamo che con la nuova Giunta il Socio sia più responsabile e corretto per il bene di tutto il comprensorio di Saint-Vincent”.

Un commento su “Casinò, la De Vere rilancia: “pronti a un’offerta per rilevarlo””

  • ruggero carrozza says:

    Viva la De Vere!!!! almeno c’è qualcuno che prova a riparare i danni.
    Non si meravigli la De Vere del silenzio della proprietà,perchè con la sua proposta rischia di rompere
    il piano di Lega, con in testa Aggravi el’impiego di fior di “bocconiani”, volto a far fuori il casino’ .
    Speriamo che la nuova “armata brancaleone politica valdostana” sia un po più sensibile, ora che non sono più
    occupati a procurarsi la poltrona.
    Tutto è da verificare, ma se si perde questa occasione è meglio che i politici si ritirino ora prima che siano
    gli elettori a farlo.

Commenta questo articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>